NEL VENETO ASSALTATO DALLE MAFIE LA REGIONE TAGLIA I FONDI PER LA PREVENZIONE E CONTRASTO DELLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA E MAFIOSA E PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA LEGALITÀ.

  • Post del 30 Novembre 2022
Tra le competenze della Commissione Legalità che presiedo ricadono anche la promozione della cultura della legalità e la prevenzione e contrasto della criminalità organizzata e mafiosa, obiettivi attuabili grazie ai fondi previsti da alcune leggi regionali. Nella seduta del 17 novembre 2022 in occasione dell’esame della manovra di bilancio regionale i funzionari della Giunta purtroppo ci hanno riferito che questi fondi per il 2023 toccheranno il minimo storico, basta guardare i grafici della foto. Quelli previsti dalla Legge n. 48/2012 sul contrasto alle mafie ad esempio sono passati da 170.000 del 2018 a 100.000 euro per il 2023. Questa è la legge che ha consentito ad Avviso Pubblico e Libera di attuare importantissimi progetti per i giovani nella promozione del contrasto alle mafie, nella diffusione della cultura della legalità nel Veneto come l’istituzione della Giornata regionale della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie. La Regione Veneto dovrebbe dare segnali forti del suo impegno stanziando fondi adeguati per diffondere la cultura della legalità e per formare la Polizia locale contro le mafie. Perché anche se fa finta di niente in Veneto purtroppo le mafie si sono radicate e questo sarebbe il momento giusto per rinforzare la lotta contro la criminalità organizzata, non indebolirla. Andrea Zanoni
COMUNICATO: bit.ly/3hKFLYJ
FOTO: Andamento stanziamenti fondi in Veneto per le norme per il contrasto di MAFIA E CRIMINALITA'
Stampa
Tutti i comunicati
Tutte le news
Questo sito web usa i cookies
Usa i cookies per gestire alcune funzionalità, quali navigazione, pertinenza annunci, etc. Utilizzando il nostro sito web, accetti l'utilizzo dei cookies.