ANDREA

ZANONI

Consigliere Regionale

Cerca
Previous slide
Next slide

Le mie idee

La mia attività politica nelle istituzioni e nel territorio, si caratterizza per la dedizione verso questioni fondamentali quali l’ambiente, la salute, il lavoro, la legalità e gli animali.

Sono profondamente convinto che la salvaguardia dell’ambiente sia una delle sfide più urgenti e cruciali del nostro tempo. Mi impegno attivamente per promuovere politiche sostenibili, volte a preservare le risorse naturali, ridurre l’inquinamento e a combattere i cambiamenti climatici. Credo fermamente sia nostro dovere proteggere il pianeta per le generazioni future.

La salute è un diritto universale che non può essere negato a nessuno. Mi adopero per garantire accesso equo ai servizi sanitari che devono essere pubblici e gratuiti, promuovere stili di vita salutari e sostenere la ricerca scientifica. Lavoro incessantemente affinché il servizio pubblico garantisca ad ognuno il benessere fisico, mentale e sociale.

Il diritto al lavoro e la legalità rappresentano pilastri indispensabili della società giusta ed equa che desidero costruire. Dobbiamo combattere strenuamente lo sfruttamento dei lavoratori, favorendo condizioni di lavoro dignitose e che garantiscano massima sicurezza, pari opportunità occupazionali, salari dignitosi e lotta contro fenomeni come il lavoro nero o precario. Sono fermamente convinto che la legalità, la lotta alle mafie e alla corruzione debba costituire un faro e un principio cardine nella gestione delle istituzioni pubbliche ed economiche.

La tutela degli animali è un altro aspetto fondamentale della mia attività. Sono determinato a combattere ogni forma di sfruttamento, maltrattamento e abuso nei confronti degli animali, promuovendo leggi più severe e campagne di sensibilizzazione sulla responsabilità etica verso gli esseri viventi con cui condividiamo il pianeta.

Continuerò a lavorare instancabilmente per raggiungere questi obiettivi perché credo profondamente nell’importanza di creare un mondo in cui ogni individuo possa vivere una vita dignitosa, avere accesso a servizi sanitari adeguati, godere di diritti umani fondamentali e contribuire al progresso rispettando il pianeta e tutta la sua preziosa biodiversità.

Le mie ultime NEWS

Comunicati stampa

Incontri ed eventi

Segna in agenda potremmo incontrarci tra

Giorni

a

Rubano (PD)

02
Marzo
09:30
Congresso Europeo del PSE sabato 2 Marzo 2024 ore 9.30 a Roma

Roma

Viale Asia 40/44, Centro Congressi La Nuvola

03
Marzo
10:00
Visita al Rifugio Canile di Rubano domenica 3 Marzo 2024 ore 10.00 a Rubano (PD)

Rubano (PD)

13
Marzo
20:45
“Le Mafie in Veneto ai tempi delle Olimpiadi di Cortina e PNRR mercoledì 13 Marzo 2024 ore 20.45 a Vedelago (TV)

Vedelago (TV)

Via Toniolo 2, Sala Conferenze del Distretto Sanitario

La mia attività politica in Veneto ed in Europa

100
Interrogazioni
10
Progetti di legge
10
Mozioni
1000
Fascicoli

Obiettivi & Risultati raggiunti

Anno di attività

SEZIONE IN COSTRUZIONE

Seguimi sui social

Da oltre un anno, le paratie dell'infrastruttura conosciuta come porte vinciane, collocata lungo il Canalbianco ad Adria, sono fuori uso a causa di un guasto all’impianto meccanico che non è mai stato riparato. Con la conseguenza che le acque del canale artificiale, non potendo scorrere, in... questo tratto e per decine di metri, si sono imputridite, accumulando ogni sorta di rifiuto, oltre a legname, schiume maleodoranti, carcasse di pesci e di altri animali.

Oltre a deturpare l’immagine stessa della città, questo stallo rischia di generare un serio problema di igiene pubblica. In particolare quando, tra pochi mesi, arriverà la stagione estiva.

Gli ambienti putridi e stagnanti sono notoriamente, un ricettacolo di vettori di patogeni di ogni sorta. C’è il rischio che la zona divenga un focolaio per malattie potenzialmente molto gravi come ad esempio la febbre del West Nile o la febbre Dengue. Pertanto, tutte le istituzioni competenti hanno il dovere di intervenire con urgenza per mettere in sicurezza la zona.

Per questo ho presentato un’interrogazione chiedendo se, a tutela della salute pubblica, e dell’ambiente, la Giunta regionale intenda intervenire per far riattivare quanto prima le porte vinciane di Adria.

La riattivazione delle porte vinciane è indispensabile per scongiurare seri problemi di igiene pubblica. La Regione vuole intervenire?

Da oltre un anno, le paratie dell'infrastruttura conosciuta come porte vinciane, collocata lungo il Canalbianco ad Adria, sono fuori uso a causa di ...un guasto all’impianto meccanico che non è mai stato riparato. Con la conseguenza che le acque del canale artificiale, non potendo scorrere, in questo tratto e per decine di metri, si sono imputridite, accumulando ogni sorta di rifiuto, oltre a legname, schiume maleodoranti, carcasse di pesci e di altri animali.

Oltre a deturpare l’immagine stessa della città, questo stallo rischia di generare un serio problema di igiene pubblica. In particolare quando, tra pochi mesi, arriverà la stagione estiva. Gli ambienti putridi e stagnanti sono notoriamente, un ricettacolo di vettori di patogeni di ogni sorta. C’è il rischio che la zona divenga un focolaio per malattie potenzialmente molto gravi come ad esempio la febbre del West Nile o la febbre Dengue. Pertanto, tutte le istituzioni competenti hanno il dovere di intervenire con urgenza per mettere in sicurezza la zona.

Per questo ho presentato un’interrogazione chiedendo se, a tutela della salute pubblica, e dell’ambiente, la Giunta regionale intenda intervenire per far riattivare quanto prima le porte vinciane di Adria.

Care amiche e cari amici, condivido con voi la mia agenda.
In queste immagini trovate i miei prossimi appuntamenti.

L’OPERAZIONE MINEFIELD CONDOTTA IN EMILIA ROMAGNA HA MESSO IN LUCE UN’ORGANIZZAZIONE CRIMINALE CHE GESTIVA AFFARI PER 30 MILIONI DI EURO. UN RINGRAZIAMENTO ALLE FORZE DELL’ORDINE IMPEGNATE A DIFENDERE LA LEGALITÀ

In Emilia-Romagna, la Guardia di finanza e i Carabinieri hanno messo ...in luce un’organizzazione criminale che utilizzava fatture false per riciclare denaro. Questa organizzazione coinvolgeva 251 società che operavano in diversi settori. L’organizzazione era collegata all’ ndrangheta.

Le indagini hanno evidenziato che il sistema criminale creato, aveva posto in essere anche sistemi di frode del welfare statale: percezione illecita della Naspi e dei contributi stanziati durante l’emergenza pandemica.

Tra le regioni delle persone e delle società indagate è presente anche il Veneto.

Non bisogna mai abbassare la guardia sulla legalità.

Ringrazo le forze dell’ordine e a chi ha collaborato a questa operazione.

In Emilia-Romagna, la Guardia di finanza e i Carabinieri hanno messo in luce un’organizzazione criminale che utilizzava fatture false per riciclare denaro. Questa organizzazione coinvolgeva 251 società che operavano in diversi settori e gestiva affari per 30 milioni di euro. L’organizzazione ...era collegata all’ ndrangheta.

Le indagini hanno evidenziato che il sistema criminale creato, aveva posto in essere anche sistemi di frode del welfare statale: percezione illecita della Naspi e dei contributi stanziati durante l’emergenza pandemica.

Tra le regioni delle persone e società indagate è presente anche il #veneto.

Non bisogna mai abbassare la guardia sulla #legalità.

Ringrazio le forze dell’ordine e chi ha collaborato a questa operazione.

Gli studenti del professor Ganesini hanno realizzato un bellissimo video che denuncia alcuni mali del nostro tempo come lo sfruttamento dei territori e dell’ambiente solo per il profitto.

Questo video è stato mostrato durante l’evento a Cologna Veneta a cui ho partecipato. Ci tengo a ...condividerlo con voi. Ringrazio gli studenti che l'hanno realizzato. Per fortuna le giovani generazioni sono molto sensibili al tema della tutela dell’ambiente.

UN BEL VIDEO REALIZZATO DA UNA CLASSE DI STUDENTI SULLA DISTRUZIONE DEL NOSTRO AMBIENTE PER IL PROFITTO DI POCHI

Gli studenti del professor Ganesini hanno realizzato un bellissimo video che denuncia alcuni mali del nostro tempo come lo sfruttamento dei territori e dell’ambiente solo per ...il profitto.

Questo video è stato mostrato durante l’evento a Cologna Veneta a cui ho partecipato. Ci tengo a condividerlo con voi.

Ringrazio gli studenti che l'hanno realizzato. Per fortuna le giovani generazioni sono molto sensibili al tema della tutela dell’ambiente.

7 procedure di infrazione al diritto comunitario riguardano il Veneto. Oggi ne abbiamo parlato durante una seduta della commissione ambiente.

Due procedure di infrazione riguardano la violazione delle direttive sul trattamento acque reflue, due la qualità dell’aria, due le aree protette... della Rete Natura 2000 e una i nitrati: i prodotti degli allevamenti intensivi che vanno ad inquinare il suolo e le falde.

La situazione è piuttosto preoccupante. Mi auguro che la regione adotti le misure necessarie per rispettare il diritto comunitario e quindi l’ambiente e la salute delle persone.

7 procedure di infrazione al diritto comunitario riguardano il Veneto. Oggi ne abbiamo parlato durante una seduta della commissione ambiente.

Due procedure di infrazione riguardano la violazione delle direttive sul trattamento acque reflue, due la qualità dell’aria, due le aree protette... della Rete Natura 2000 e una i nitrati: i prodotti degli allevamenti intensivi che vanno ad inquinare il suolo e le falde.

La situazione è piuttosto preoccupante. Mi auguro che la regione adotti le misure necessarie per rispettare il diritto comunitario e quindi l’ambiente e la salute delle persone.

#Ambiente #europa #Salute

Un vero e proprio cimitero di larici. Ecco cos’ho trovato a Cortina nel cantiere della pista da Bob.

La pista da bob è un investimento insostenibile dal punto di vista ambientale e sotto il profilo economico. Questa è la descrizione corretta dell’opera che Zaia e Salvini vogliono ...realizzare.

Articolo pubblicato lunedì 26 da Il Gazzettino.

Un vero e proprio cimitero di larici. Ecco cos’ho trovato a Cortina nel cantiere della pista da Bob.

La pista da bob è un investimento insostenibile dal punto di vista ambientale e sotto il profilo economico. Questa è la descrizione corretta dell’opera che Zaia e Salvini vogliono ...realizzare.

Articolo pubblicato lunedì 26 da Il Gazzettino.

QUALE MOBILITA’ A SUD DI TREVISO?
GIOVEDÌ 14 MARZO INCONTRO PUBBLICO A DOSSON DI CASIER (TV)

Giovedì 14 MARZO alle ore 20.45, sarò a Dosson di Casier (TV) per un incontro pubblico dal titolo “QUALE MOBILITA’ A SUD DI TREVISO? 20 anni di errori e promesse mai mantenute. ...Pedemontana, Via del Mare, Metropolitana di superficie”, organizzato dai Circoli PD Casale sul Sile, Casier, Mogliano e Preganziol.

La Superstrada Pedemontana Veneta, oltre ad aver divorato 900 ettari di terreno fertile e di biodiversità ora sta divorando le casse della Regione e stenta a completarsi.

Sulla Treviso-Mare, opera obsoleta che la Giunta Zaia vuole realizzare basandosi sulla valutazione di impatto ambientale vecchia di 10 anni, il copione si appresta a ripetersi.

Del tutto abbandonato il progetto della Metropolitana di Superficie che, come per 20 anni annunciato, avrebbe dovuto decongestionare il traffico regionale su gomma per spostarlo sul ferro.

Dopo l’introduzione di Mario Biscaro, Segretario del Circolo PD di Casier, interverrò con Stefano Pelloni, Consigliere comunale capogruppo a Treviso e Oscar Borsato, responsabile dell’agenda urbana della Segreteria provinciale PD Treviso.

Vi aspetto giovedì 14 marzo 2024 alle 20.45 presso la Sala consiliare in Via Archimede a Dosson di Casier (TV).

Per informazioni 328 5548304.

L’incontro è aperto al pubblico con entrata libera.