ANDREA

ZANONI

Consigliere Regionale

Cerca
Previous slide
Next slide

Le mie idee

La mia attività politica nelle istituzioni e nel territorio, si caratterizza per la dedizione verso questioni fondamentali quali l’ambiente, la salute, il lavoro, la legalità e gli animali.

Sono profondamente convinto che la salvaguardia dell’ambiente sia una delle sfide più urgenti e cruciali del nostro tempo. Mi impegno attivamente per promuovere politiche sostenibili, volte a preservare le risorse naturali, ridurre l’inquinamento e a combattere i cambiamenti climatici. Credo fermamente sia nostro dovere proteggere il pianeta per le generazioni future.

La salute è un diritto universale che non può essere negato a nessuno. Mi adopero per garantire accesso equo ai servizi sanitari che devono essere pubblici e gratuiti, promuovere stili di vita salutari e sostenere la ricerca scientifica. Lavoro incessantemente affinché il servizio pubblico garantisca ad ognuno il benessere fisico, mentale e sociale.

Il diritto al lavoro e la legalità rappresentano pilastri indispensabili della società giusta ed equa che desidero costruire. Dobbiamo combattere strenuamente lo sfruttamento dei lavoratori, favorendo condizioni di lavoro dignitose e che garantiscano massima sicurezza, pari opportunità occupazionali, salari dignitosi e lotta contro fenomeni come il lavoro nero o precario. Sono fermamente convinto che la legalità, la lotta alle mafie e alla corruzione debba costituire un faro e un principio cardine nella gestione delle istituzioni pubbliche ed economiche.

La tutela degli animali è un altro aspetto fondamentale della mia attività. Sono determinato a combattere ogni forma di sfruttamento, maltrattamento e abuso nei confronti degli animali, promuovendo leggi più severe e campagne di sensibilizzazione sulla responsabilità etica verso gli esseri viventi con cui condividiamo il pianeta.

Continuerò a lavorare instancabilmente per raggiungere questi obiettivi perché credo profondamente nell’importanza di creare un mondo in cui ogni individuo possa vivere una vita dignitosa, avere accesso a servizi sanitari adeguati, godere di diritti umani fondamentali e contribuire al progresso rispettando il pianeta e tutta la sua preziosa biodiversità.

Le mie ultime NEWS

Comunicati stampa

Incontri ed eventi

Segna in agenda potremmo incontrarci tra

Giorni

a

Rovigo

18
Aprile
20:45
“Paese: Territorio e Salute” giovedì 18 Aprile 2024 ore 20.45 Postioma di Paese

Postioma di Paese

Via Chiesa 5 - Centro Civico Postioma

18
Aprile
18:30
“GreenDai! Problematiche ambientali del Veneto” giovedì 18 Aprile 2024 ore 18.30 Padova

Padova

Via Zabarella - Centro Universitario padovano

19
Aprile
20:45
“Incontriamo Andrea Zanoni: Ambiente, Sanità, Legalità, Animali” venerdì 19 Aprile 2024 ore 20.45 Rovigo

Rovigo

Viale Porta Adige 1 - Best Western Hotel Cristallo

20
Aprile
17:30
“Incontriamo Andrea Zanoni: Ambiente, Sanità, Legalità, Animali” sabato 20 Aprile 2024 ore 17.30 Padova

Padova

Via Pontevigodarzere 49 - Casa del Popolo

La mia attività politica in Veneto ed in Europa

Interrogazioni
100
Progetti di legge
10
Mozioni
10
Fascicoli
1000

Seguimi sui social

La Superstrada Pedemontana è un costo continuo per tutti noi.

Venerdì 12 aprile a Spresiano abbiamo parlato dello scandalo della Pedemontana. A causa della convenzione siglata da Zaia con il privato, il Veneto dovrà pagare un canone medio di 300 milioni l’anno per 39 anni al privato. ...Questo problema sta creando una voragine nel bilancio della nostra regione.

Il pubblico all’evento era molto interessato e soprattutto preoccupato.
Abbiamo anche discusso della Treviso-Mare: un altro errore madornale della Regione che ha affidato i lavori per quest’opera allo stesso privato che ha realizzato la Pedemontana.

All'evento è intervenuta anche Rachele Scarpa.

Scrivi nei commenti qual è la proposta di legge più inutile.

Siamo giunti alla fine. Nelle scorse settimane ho presentato le proposte più assurde.

In lizza ci sono:
- Inno ufficiale del Veneto
- La Giornata del Patriota
- La Giornata dell’autonomia

È ...difficile scegliere tra queste.

Scrivi nei commenti qual è la proposta di legge più inutile.

Siamo giunti alla fine. Nelle scorse settimane ho presentato le proposte più assurde.

In lizza ci sono:
- Inno ufficiale del Veneto
- La Giornata del Patriota
- La Giornata dell’autonomia

Lo ...so, è difficile scegliere tra queste.

È splendido. Questo è l’albero europeo dell’anno.

Si tratta di un faggio polacco di 200 anni. Il suo soprannome è "Cuore del giardino". Lo si può trovare nel giardino botanico dell'Università di Wroclaw, nella regione di Niemcza, in Polonia.

L’albero ...ritratto nella foto è stato premiato al termine del concorso indetto dalla Giant Trees Foundation.

È splendido. Questo è l’albero europeo dell’anno.

Si tratta di un faggio polacco di 200 anni. Il suo soprannome è "Cuore del giardino". Lo si può trovare nel giardino botanico dell'Università di Wroclaw, nella regione di Niemcza, in Polonia.

L’albero ...ritratto nella foto è stato premiato al termine del concorso indetto dalla Giant Trees Foundation.

Incontriamo Andrea Zanoni a Belluno

Care amiche e amici, vi invito a questo incontro che ho organizzato per parlarvi del mio impegno in Consiglio Regionale e delle prossime elezioni europee.

L’incontro si terrà presso la Sala Bianchi Eliseo Dal Pont, in Viale G. Fantuzzi n. 11 ...a Belluno alle ore 20.45 di mercoledì 24 aprile.

Le elezioni europee di giugno saranno cruciali perché nei prossimi anni si deciderà il futuro delle politiche per l'ambiente, la salute e gli animali.

Alcuni partiti di destra hanno già annunciato che se vinceranno metteranno in discussione tante misure a favore dell'ambiente.

Questo appuntamento sarà un’occasione per confrontarci e ascoltare le vostre idee e proposte.

Non dimentichiamo l’inquinamento provocato dai PFAS.

Le acque di 70 comuni del Veneto sono inquinate a causa dei PFAS che provengono dal sito della Miteni. Questa azienda ora è sotto processo. Inoltre i PFAS sono stati trovati nel sangue di 300.000 cittadini veneti.

Sono stato... il primo politico in Italia che si è occupato della contaminazione da questa sostanza, presentando un’interrogazione alla Commissione europea quando ero europarlamentare. L’avevo fatto dopo aver ricevuto una segnalazione dai medici dell’ISDE.

Con queste grafiche spiego il mio impegno contro i PFAS. Dateci un’occhiata, se volete.

Non dimentichiamo l’inquinamento provocato dai PFAS.

Le acque di 70 comuni del Veneto sono inquinate a causa dei PFAS che provengono dal sito della Miteni. Questa azienda ora è sotto processo. Inoltre i PFAS sono stati trovati nel sangue di 300.000 cittadini veneti.

Sono stato... il primo politico in Italia che si è occupato della contaminazione da questa sostanza, presentando un’interrogazione alla Commissione europea quando ero europarlamentare. L’avevo fatto dopo aver ricevuto una segnalazione dai medici dell’ISDE.

Con queste grafiche spiego il mio impegno contro i PFAS. Dateci un’occhiata, se volete.

In Veneto 4.750 studenti non riceveranno la borsa di studio nonostante ne abbiano diritto.

Questo dato dimostra che il sostegno allo studio dei giovani non rappresenta una priorità per la Regione Veneto. Ben 4.750 studenti risultano idonei non beneficiari delle borse di studio per ...l’anno accademico in corso.

Dal 2012, i fondi nazionali destinati alle borse di studio sono cresciuti dai 162 milioni ai quasi 308 milioni del 2023. Le risorse annue destinate dal Veneto sono invece rimaste sempre ferme a quasi 8 milioni di euro. Per fare un paragone, l’Emilia Romagna stanzia 43,5 milioni di euro.

Quest’anno mancano 22 milioni per riuscire a dare le borse di studio a tutti gli studenti idonei. Questa cifra corrisponde all’ammontare di risorse che la SIS, concessionaria della Pedemontana Veneta, ha indebitamente incassato e che deve versare nelle casse della Regione, secondo quanto stabilito dalla Corte dei Conti.

La Giunta dovrebbe imporre la restituzione di quanto gli spetta, destinandolo ad un obiettivo così importante come la tutela del diritto allo studio.

In Veneto 4.750 studenti non riceveranno la borsa di studio nonostante ne abbiano diritto.

Questo dato dimostra che il sostegno allo studio dei giovani non rappresenta una priorità per la Regione Veneto. Ben 4.750 studenti risultano idonei non beneficiari delle borse di studio per ...l’anno accademico in corso.

Dal 2012, i fondi nazionali destinati alle borse di studio sono cresciuti dai 162 milioni ai quasi 308 milioni del 2023. Le risorse annue destinate dal Veneto sono invece rimaste sempre ferme a quasi 8 milioni di euro. Per fare un paragone, l’Emilia Romagna stanzia 43,5 milioni di euro.

Quest’anno mancano 22 milioni per riuscire a dare le borse di studio a tutti gli studenti idonei. Questa cifra corrisponde all’ammontare di risorse che la SIS, concessionaria della Pedemontana Veneta, ha indebitamente incassato e che deve versare nelle casse della Regione, secondo quanto stabilito dalla Corte dei Conti.

La Giunta dovrebbe imporre la restituzione di quanto gli spetta, destinandolo ad un obiettivo così importante come la tutela del diritto allo studio.

Salviamo la sanità pubblica.

Nella nostra regione la sanità pubblica è al collasso: mancano medici, medicinali negli ospedali e nelle case di riposo e ci sono lunghissime liste di attesa.

Nella sanità pubblica bisogna investire perché la salute dev’essere un diritto ...universale e non un diritto per pochi.

Queste sono le foto dell’evento svolto a Orsago sulla situazione della sanità pubblica insieme a Marta Casarin, segretaria della funzione pubblica della CGIL Treviso e alla collega Consigliera regionale Elena Ostanel.

Salviamo la sanità pubblica.

Nella nostra regione la sanità pubblica è al collasso: mancano medici, medicinali negli ospedali e nelle case di riposo e ci sono lunghissime liste di attesa.

Nella sanità pubblica bisogna investire perché la salute dev’essere un diritto ...universale e non un diritto per pochi.

Queste sono le foto dell’evento svolto a Orsago sulla situazione della sanità pubblica insieme a Marta Casarin, segretaria della funzione pubblica della CGIL Treviso e alla collega Consigliera regionale Elena Ostanel.