NUOVO PIANO FAUNISTICO VENATORIO: TROPPO SBILANCIATO A FAVORE DELLA CACCIA E CONTRO I PROPRIETARI DEI TERRENI E GLI ANIMALI SELVATICI

  • Post del 16 Luglio 2021
Il nuovo Piano Faunistico venatorio, ovvero il piano della caccia, dopo 14 anni di attesa è ora all’esame della commissione caccia del Consiglio regionale del Veneto. Ha troppe cose che non vanno: una cartografia imprecisa; una valanga di procedure burocratiche per impedire ai legittimi proprietari di terreni di ottenere il divieto di caccia concesso dalla legge nazionale; il non-divieto di entrare ai vertici di Ambiti e Comprensori di caccia per i cacciatori condannati per bracconaggio; il mancato ascolto del punto di vista delle associazioni ambientaliste e molto altro. Mi auguro che le associazioni agricole e quelle dei consumatori si facciano sentire in regione affinché il diritto sancito dalla legge di chiedere il divieto di caccia non venga ostacolato e complicato così come viene previso dal progetto di Piano che prevede relazioni di un tecnico, autorizzazioni e tante altre scatoffie. Sarà mia cura presentare degli emendamenti di modifica affinché ci sia pari dignità tra cittadini e cacciatori, questi ultimi portati inspiegabilmente sul palmo di mano dalla giunta Zaia.
Stampa
Tutti i comunicati
Tutte le news
Questo sito web usa i cookies
Usa i cookies per gestire alcune funzionalità, quali navigazione, pertinenza annunci, etc. Utilizzando il nostro sito web, accetti l'utilizzo dei cookies.