La Corte Costituzionale elimina la caccia illegale voluta da Zaia e Berlato. Una vittoria a vantaggio della tutela degli animali selvatici e della sicurezza dei cittadini.

  • Post del 15 Luglio 2017

La Corte Costituzionale con sentenza n.174 depositata giovedì 13 luglio, ha dichiarato illegali una lunga serie di disposizioni  sulla caccia approvate dal Consiglio regionale Veneto, con voti favorevoli di Lega, Lista Zaia, Forza Italia e Fratelli d’Italia, con la legge del Veneto n.18 promulgata dal Governatore Luca Zaia il 27 giugno 2016.

“Bocciata la norma  che consentiva il nomadismo venatorio per trenta giorni in tutti gli ambiti territoriali di caccia, ovvero la possibilità di cacciare ovunque in Veneto con pericolose concentrazioni di cacciatori nello stesso luogo a danno della fauna selvatica e della sicurezza dei cittadini. I cacciatori potevano entrare anche negli ambiti territoriali di caccia di altre province senza essere iscritti e senza nemmeno comunicarlo agli organi direttivi, un modo per consentire di cacciare nell’anonimato e di farla franca in caso di reati contro la fauna e i cittadini.


[Continua]
Stampa
Tutti i comunicati
Tutte le news
Questo sito web usa i cookies
Usa i cookies per gestire alcune funzionalità, quali navigazione, pertinenza annunci, etc. Utilizzando il nostro sito web, accetti l'utilizzo dei cookies.