ANDREA

ZANONI

Consigliere Regionale

Cerca

Ho parlato di Green Hill al commissario europeo John Dalli

Bruxelles, 8-12-2011

Ieri ho parlato del canile di Green Hill a un rappresentante del Commissario Ue alla Salute, Consumatori e competente per il Benessere degli animali John Dalli. L’ho messo al corrente dei più che sospetti casi di maltrattamento dei cani beagle allevati nel centro e denunciati da Striscia la Notizia e della crescente preoccupazione dei cittadini italiani. Il rappresentante del Commissario Dalli mi ha ascoltato con attenzione. La settimana prossima consegnerò un’interrogazione parlamentare per chiedere formalmente l’intervento delle istituzioni europee a fare luce una volta per tutte su Green Hill.
Bisogna capire bene come operare e su cosa puntare. Bisogna valutare cosa dicono le norme italiane, quelle europee, leggere e studiare gli atti relativi alla perquisizione effettuata recentemente su questo allevamento. Su Green Hill ho un fascicolo di decine e decine di documenti. A volte la fretta gioca brutti scherzi ed io voglio evitare che la commissione mi dia una risposta che giochi a nostro sfavore.

Ho sottoposto il testo dell’interrogazione a cui sto lavorando all’attenzione di legali e associazioni esperte in materia. Come Eurodeputato ho intenzione di affrontare questo caso con la massima serietà e impegno, ovviamente nel rispetto del mio mandato europeo.

I dubbi che incombono sulla correttezza del centro di Green Hill sono troppi: dai presunti maltrattamenti dei cani allevati alle inadempienze amministrative denunciate dalle associazioni alla Procura della Repubblica di Brescia. Voglio affrontare il caso Green Hill nel rispetto della legalità. Se il centro non rispetta le normative europee ed italiane allora deve chiudere per sempre.

Personalmente sono assolutamente contrario alla vivisezione, una pratica barbara e medievale (VIDEO). Purtroppo la vivisezione non è proibita in Europa ma solamente regolamentata. Oggi cerchiamo di fare il massimo affinché almeno queste regole vengano rispettate. Nella speranza, in un prossimo domani, di poter chiudere per sempre questo triste capitolo.

Condividi

Consulta l'archivo per mese ed anno

Ultimi comunicati stampa