"Oggi un nuovo nastro tagliato, ma per rendere davvero vantaggiosa e utile questa superstrada, Zaia pensi a tagliare i pedaggi per pendolari, artigiani, commercianti che sono già gravati dall'aumento del carburante e non possono sostenere le tariffe più costose d'Italia".
 
A dirlo il consigliere regionale del PD Veneto, Andrea Zanoni, nel giorno dell'inaugurazione del casello di Spresiano, con l'apertura del tratto della Superstrada Pedemontana Veneta fino a Montebelluna.
 

"Nel tempo, più l'opera è avanzata e più è indietreggiata ogni ipotesi di esenzione. Inizialmente, nella prima convenzione col concessionario, questa era prevista per tutti i cittadini residenti nei Comuni interessati dal tracciato. E fu proprio questa la condizione determinante per l'accettazione del percorso da parte delle comunità. Esenzioni che nella seconda concessione vennero previste solo per giovani e anziani oltre una certa età, per poi sparire definitivamente con la terza convenzione, nel 2017 sotto la Giunta Zaia. Insomma, una retromarcia beffarda. Rispetto e lealtà nei confronti dei territori - conclude Zanoni - richiederebbero meno vetrine e palcoscenici e una scelta netta per l'introduzione delle esenzioni promesse in origine".