Venezia, 14 giugno 2021

“Domani in commissione Legalità ospiteremo in audizione il procuratore della Direzione distrettuale antimafia di Venezia Bruno Cherchi. Sarà un incontro molto importante per fare il punto sul radicamento della criminalità organizzata nella nostra regione, con particolare riferimento alle ecomafie su cui stiamo facendo degli approfondimenti insieme a esperti e rappresentanti delle forze dell’ordine”. Lo rende noto Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico e presidente della Quarta commissione. “Nelle scorse settimane, davanti alla Commissione parlamentare antimafia, ha dato numeri preoccupanti sul fenomeno: circa 200 misure cautelari tra il 2019 e il 2020 nei confronti di persone vicine alla ‘ndrangheta e alla camorra. Ma soprattutto ha sottolineato come si debba dare di più a ogni livello, parlando di un Veneto distratto ‘che ha solo una partecipazione formale, di convenienza alla lotta antimafia’. Il fatto che qua la criminalità organizzata non spari, non significa granché: le numerose inchieste degli ultimi anni dimostrano che il giro di affari e il fatturato sono in forte crescita, in alcuni casi anche con il coinvolgimento di rappresentanti delle istituzioni. Sono necessari strumenti più forti per combatterla, inclusa la legge 48/2012 che ha bisogno di maggiori risorse per poter funzionare nel migliore dei modi ed essere davvero efficace”.