ANDREA

ZANONI

Consigliere Regionale

Cerca

Zanoni (PD): “Nuovo blitz della maggioranza: nel Collegato inserite le sanzioni per chi disturba l’attività venatoria quando la legge è già all’ordine del giorno del Consiglio”

“Ancora un blitz al di fuori delle regole da parte della maggioranza, stavolta sulle sanzioni per chi disturba la caccia: questo Collegato sta diventando sempre più un minestrone inservibile”. Va all’attacco il consigliere del Partito Democratico Andrea Zanoni, dopo l’ennesimo inserimento in corsa all’interno del Pdl 194, questa volta riguardante il disturbo all’attività venatoria. “È un modo di procedere assolutamente scorretto, poiché esiste già un progetto di legge in materia, il 182, che è stato messo all’ordine del giorno e su cui ho presentato ben 60 emendamenti che invece così andranno automaticamente persi – continua il vicepresidente della commissione Ambiente – Con questo modo furbesco di agire, per noi consiglieri sarà impossibile discutere di questa proposta semplicemente indecente. Una proposta che prevede multe da 600 a 3600 euro per chi disturba la caccia, fino a 10 volte più pesanti rispetto a chi abusa di armi da fuoco in casa altrui. È un testo assolutamente da emendare, puntando anche sulla sentenza del Tribunale di Milano, la 6309 del 10 maggio 2005, che ha annullato le sanzioni comminate sulla base della legge regionale lombarda, facendo prevalere il diritto di riunirsi pacificamente e manifestare liberamente il proprio pensiero, sancito dagli articoli 21 e 17 della Costituzione e condannando la provincia di Milano ad annullare i verbali e a pagare le spese processuali delle persone ingiustamente multate”.

 

“Questo ennesimo blitz quasi fuori tempo massimo evidenzia ancora una volta la volontà della maggioranza di bloccare sul nascere ogni confronto – chiude Zanoni – Nel Collegato c’è dentro di tutto e dovremmo trattare in maniera approfondita tanti temi, riforma delle cave, riforma dei parchi, urbanistica, edilizia creativa, caccia e chi più ne ha più ne metta. Così facendo invece si prendono delle scorciatoie poco democratiche, che sviliscono il ruolo e il lavoro dei consiglieri”

Condividi

Consulta l'archivo per mese ed anno

Ultimi comunicati stampa