ANDREA

ZANONI

Consigliere Regionale

Cerca

Siccità, Zanoni (PD): “Zaia si dice pronto a razionare l’acqua? Segno del fallimento prodotto dal suo immobilismo: è dal 2015 che il fenomeno è noto”.

“Zaia annuncia l’intenzione di razionare l’acqua in caso di emergenza siccità, come fosse il salvatore della patria. In realtà, a questa situazione catastrofica in cui siamo ridotti, ci ha messo del suo in maniera pesante. Perché è almeno dal 2015 che gli indicatori parlano in maniera inequivocabile: sono 8 anni in cui Zaia poteva benissimo intervenire, invece che dispensare soluzioni alla disperata”.

Il giudizio critico è del consigliere regionale del PD Veneto, Andrea Zanoni.

“L’ANBI (Associazione che riunisce i Consorzi di bonifica) ha ripetutamente proposto alla Regione di realizzare 99 interventi, per un costo complessivo di 807 milioni di euro. Tutto mirato al risparmio idrico, sia apportando miglioramenti strutturali alle condotte, sia creando gli indispensabili bacini di raccolta. Eppure, in questi anni Zaia non ha mosso un dito. Se avesse investito anche solo il 5% delle energie e delle attenzioni rivolte alla monocoltura vitivinicola, prosecco in particolare, persino a discapito delle altre coltivazioni, oggi il Veneto avrebbe problemi meno gravi derivanti dalla siccità e non sarebbe del tutto impreparato come risulta evidente”.

“Zaia – conclude Zanoni – con i suoi assessori ha dimostrato in maniera inequivocabile un’incapacità grave sotto il profilo della pianificazione e programmazione degli interventi che oggi avrebbero consentito di reggere ad un’ulteriore stagione di assenza di piogge, dopo quella dello scorso anno. Ma, evidentemente, i suoi pensieri sono rivolti a curare gli interessi di lobbies ben selezionate. Non certamente quelli di categorie e di cittadini che non rientrano nella sua orbita d’attenzione”.

 
 
Condividi

Consulta l'archivo per mese ed anno

Ultimi comunicati stampa