ANDREA

ZANONI

Consigliere Regionale

Cerca

Miteni, interrogazione Zanoni e Bigon (PD): “Quali i risultati delle analisi sui contenuti delle vasche?”.

“Durante la fase di smantellamento dell’ex Miteni di Trissino, sono state rinvenute lo scorso 20 gennaio due vasche interrate. Si ipotizza siano strutture realizzate nel 1974 per il deposito degli scarti di liquidi di lavorazione industriale ed il cui contenuto è stato sottoposto alle analisi di Arpav. Chiediamo innanzitutto di sapere con urgenza quale sia la natura e la funzione delle vasche rinvenute e quali siano i risultati di questi campionamenti”.

La presa di posizione è dei consiglieri regionali del PD Veneto, Andrea Zanoni e Anna Maria Bigon che hanno presentato un’interrogazione sulla vicenda, rivolta all’assessore all’Ambiente.

I due esponenti dem rilevano inoltre che “nessuna delle imprese che si occupa dello smantellamento dell’ex Miteni è disposta ad accollarsi i costi dello smaltimento del contenuto delle vasche in oggetto. Chiediamo dunque all’assessore di dirci a carico di chi saranno questi costi e quale sia l’esatto cronoprogramma della caratterizzazione del sito e della sua bonifica”.

Indice puntato anche sulla caratterizzazione effettuata finora: “è incredibile che con il livello tecnologico raggiunto, non siano stati in grado di rilevare ben prima l'esistenza di queste vasche. Non poteva di certo essere la presenza dei macchinari e delle strutture un motivo di impedimento nell'individuazione di queste vasche. Una vicenda farsesca come quella che vide per protagonista Zaia. Il presidente infatti aveva promesso nel 2017 l'effettuazione di 7.000 carotaggi per controllare l'inquinamento da Pfas prodotto dalla Miteni. Dopo cinque anni si scoprì che ne erano stati fatti appena 87. Vale a dire l’1,24% di quanto promesso”.

Zanoni e Bigon annunciano infine la loro presenza alla manifestazione 'PFAS Bonifica Miteni Subito' di sabato prossimo 25 febbraio dalle 14 alle 16, presso il sito ex Miteni (in contemporanea altri due presidi si terranno davanti alla sede della Giunta regionale a Venezia e a Palazzo Trissino, sede del Comune di Vicenza) “per sostenere questa sacrosanta battaglia a tutela della salute dei cittadini, del nostro ambiente e dei prodotti agricoli locali”.

La manifestazione è indetta da 15 tra associazioni, organizzazioni e comitati, tra i quali Mamme NO PFAS, Legambiente, Comunità Vicentina per l'Ageo-Ecologia, CGIL, Monastero per il bene comune, Fridays for future, Medicina Democratica.

 
 
Condividi

Consulta l'archivo per mese ed anno

Ultimi comunicati stampa