Chi ha girato le vie del proprio paese in questi giorni ha potuto notare gli innumerevoli cartelloni pubblicitari di Zaia dai quali emerge un Veneto ricco e prosperoso, che ottiene vagonate di euro dall’Europa, che aiuta le imprese, che sostiene l’agricoltura, che aiuta i giovani.

Per capire invece come stanno realmente le cose in Veneto e nella provincia di Treviso, basta vedere i dati dell'ultimo resoconto sulle dichiarazioni dei redditi presentato dal Ministero dell'Economia e delle Finanze lo scorso 2 aprile.

I cittadini della Marca che vivono con meno di 800 euro al mese, reddito considerato come soglia di povertà, sono un vero e proprio esercito: ben 163.348 a cui si aggiungono 2.608 veri poveri, ovvero persone che vivono senza nessun reddito a totale carico della collettività.

Ogni persona impegnata in politica deve occuparsi prioritariamente della questione della povertà che è una piaga che colpisce gravemente tutte le conquiste di civiltà di una comunità.

In Veneto serve cambiare pagina prima che la situazione degeneri ancora di piu'.

Andrea Zanoni

.