ANDREA

ZANONI

Europee 2024

Cerca

IL GRUPPO AMBIENTALISTA PAESEAMBIENTE HA PRESENTATO AL SINDACO DI PAESE UNA PROPOSTA DI REGOLAMENTO COMUNALE PER TUTELARE IL VERDE PUBBLICO, GRANDI ALBERI, SIEPI CAMPESTRI, FILARI, FOSSATI.

Il patrimonio arboreo del comune di Paese e di tutti i comuni della marca, costituito dalle alberature stradali e dalle siepi, negli ultimi 10/15 anni è stato progressivamente e drasticamente ridotto a causa di imponenti stravolgimenti urbanistici che hanno interessato il nostro territorio ed a causa dell’espandersi di alcune aziende agricole che, con l’acquisito di nuovi terreni, hanno eliminato molte siepi e fossati. Questi interventi sul territorio hanno comportato la distruzione e la perdita di un importante patrimonio verde costituito da un elevatissimo numero di alberi e di moltissime siepi caratteristiche del nostro territorio agricolo e cittadino. In considerazione di questa situazione di emergenza Paeseambiente ha proposto al comune di Paese l’adozione di uno strumento normativo che tuteli seriamente e concretamente il verde comunale, cercando di invertire la tendenza che lo vede progressivamente ridimensionato. Sono ormai numerosi i comuni italiani che si sono dotati di tale strumento e Paese, già pesantemente afflitto da una drammatica situazione ambientale costituita da cave, discariche inquinanti, una discarica di amianto, nuovi insediamenti industriali e residenziali che gravano sulle risorse naturali, dovrebbe a maggior ragione seguire questa strada per cercare di tutelare quel poco che è scampato a tali gravi interventi dell’uomo sul territorio. Non esistono controindicazioni nell’attuare questo strumento di tutela tant’è che sono ormai decine i comuni, sparsi in mezza Italia, che lo hanno già adottato; comunque non crediamo che i cittadini di questi comuni siano più sensibili e meritevoli di quelli di Paese e pertanto questo regolamento, vagliato, opportunamente esaminato ed eventualmente modificato dovrebbe, a nostro avviso, diventare realtà senza trovare ostacolo alcuno. Questo strumento normativo, che chiameremo “regolamento comunale del verde”, prevede la tutela delle siepi, dei fossati, delle alberature, il loro censimento, la tutela del “grandi alberi”, la messa a dimora di nuovi alberi in aree appositamente individuate in collaborazione con i cittadini e gli agricoltori, le procedure per le deroghe da attuare solo in determinati casi e sempre con sostituzioni obbligatorie del verde sacrificato, particolari procedure per gli interventi edilizi che possono coinvolgere alberi e siepi, il divieto di diserbare ed incendiare le sponde dei fossi, la salvaguardia dei corsi d’acqua, le sanzioni, i controlli sul rispetto delle norme. Contestualmente all’approvazione del regolamento il comune, in collaborazione con i cittadini e le associazioni ambientaliste locali, dovrebbe promuovere dei momenti di coinvolgimento della cittadinanza, degli agricoltori, delle scuole di gradi diversi e delle imprese edili, per far conoscere l’importanza delle alberature e delle siepi nel nostro vivere quotidiano. Andrea Zanoni e Stefano Ghedin, presidente e vicepresidente di Paeseambiente hanno dichiarato: Paese a nostro avviso è un comune ormai maturo per potersi dotare di precise regole per tutelare quel poco di natura rimasta, anche per assecondare la crescente richiesta dei cittadini che vogliono un ambiente più a misura d’uomo a tutto vantaggio della salute e della qualità della vita. L’amministrazione comunale di Paese dall’approvazione di questo regolamento potrà ricevere solo dei benefici, dando contestualmente un preciso segnale ai cittadini di attenzione alle tematiche ambientali e quindi alla qualità della vita di tutti. Il testo del regolamento proposto (proponibile a tutti i comuni della Marca) può essere richiesto scrivendo a paeseambiente@ecorete.it; può inoltre essere scaricato dal sito www.paeseambiente.org (sezione “documenti”).

Condividi

Consulta l'archivo per mese ed anno

Ultimi comunicati stampa