ANDREA

ZANONI

Consigliere Regionale

Cerca

Giustizia, carenze tribunale Treviso. Zanoni (PD): “Situazione inammissibile. Basta parole, ministro agisca”.

“Dall’inaugurazione dell’anno giudiziario emerge un dato: più passa il tempo e più la situazione peggiora. A Treviso i processi si allungano addirittura di quattro mesi rispetto alla media precedente: le carenze sono a livello di voragine, mancando il 30% del personale, con una percentual che sale al 40% se si considerano permessi e part-time. Se davvero si vogliono combattere le mafie, la corruzione e i reati ambientali serve un sistema in grado di garantire lo svolgimento dei processi. Serve dunque dotare di mezzi e personale i luoghi della giustizia”.

La presa di posizione è del consigliere regionale del PD Veneto, Andrea Zanoni.

“In Consiglio regionale, sull’emergenza giustizia, abbiamo approvato all’unanimità due mozioni: una della maggioranza ed una dell’opposizione a mia prima firma. E sempre il Consiglio ha ospitato in commissione Legalità il Procuratore capo della Repubblica di Venezia nonché della DDA del Veneto, Bruno Cherchi, che ci è venuto a dire di quanto vi sia un estremo bisogno di magistrati ma soprattutto di personale amministrativo che faccia il lavoro d'ufficio relativo alle tante pratiche sul tavolo. La vicenda di Sanata Maria di Sala dimostra come vi sia bisogno di un duro lavoro di approfondimento per arrivare a certi risultati”.

Zanoni in particolare si rivolge al ministro della Giustizia, Carlo Nordio: “Di parole se ne sono versate troppe. Nordio, che viene proprio dal nostro territorio, e che sono ormai mesi che ricopre questo ruolo di responsabilità, metta fine ai bei discorsi e agisca”.

Condividi

Consulta l'archivo per mese ed anno

Ultimi comunicati stampa