ANDREA

ZANONI

Europee 2024

Cerca

Cacciatore spara al compagno di caccia nel padovano

A Megliadino San Fidenzio (PD), un cacciatore sessantenne ha colpito il compagno di battuta con una raffica di pallini alla mandibola, a una mano, al torace e alle gambe. L’eurodeputato Andrea Zanoni ha affermato: «È iniziata la guerra nelle nostre campagne e sui nostri monti. Chissà quanti morti e feriti umani dovremo contare anche quest’anno. Bisogna far rifare gli esami della licenza di caccia a tutti.»

 

Sabato 21 settembre 2013, a Megliadino San Fidenzio (PD) durante una battuta di caccia, un cacciatore ha colpito con una raffica di pallini il compagno. Dal fucile di uno dei due è improvvisamente partita una scarica di pallini, che ha centrato in pieno l’altro cacciatore sessantacinquenne alla mandibola, a una mano, al torace e alle gambe.

 

I due sono partiti verso il pronto soccorso in auto, senza andare però nell’ospedale più vicino. Hanno scelto quello di Trecenta, in provincia di Rovigo, a 30 chilometri dal luogo dell’incidente dove il ferito è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico. Il fatto è stato segnalato ai Carabinieri di Castelmassa (RO), dal momento che in un primo momento pareva che l’incidente fosse avvenuto in Polesine. Dopo aver accertato che in realtà l’episodio si era verificato a Megliadino San Fidenzio, il caso è passato sotto la competenza della Compagnia dei Carabinieri di Este (PD), iscrivendo il feritore nel registro degli indagati.

 

L’eurodeputato Andrea Zanoni, membro della Commissione ENVI Ambiente Salute Pubblica e Sicurezza Alimentare al Parlamento europeo ha affermato: «È necessario che gli esami per ottenere la licenza di caccia siano molto più severi e puntino sulla sicurezza e sulla capacità di maneggiare le armi. Bisognerebbe far rifare gli esami della licenza di caccia a tutti i cacciatori, molti dei quali, tra l’altro, non l’hanno mai fatta, visto che prima del 1977 non era prevista. Ora vengono comminate delle sanzioni ridicole: occorre rivedere la normativa e, nel caso di incidenti come quello accaduto nel padovano, procedere all’immediato ritiro della licenza venatoria incentivando anche la vigilanza sul territorio. Con l’inizio della stagione di caccia, oltre alla carneficina animale, è iniziato il bollettino di guerra di vittime umane. A farne le spese non sono solo i cacciatori, ma tante persone che vorrebbero passeggiare indisturbate nelle nostre campagne e sui nostri  monti. Invece ogni anno si contano morti e feriti, anche bambini, che vengono colpiti da cacciatori incapaci di maneggiare le armi. In questo caso, inoltre, i due hanno cercato di fare i furbi probabilmente per rendere più complicati gli accertamenti e sottrarsi alle responsabilità».

 

 

Ufficio Stampa On. Andrea Zanoni

Email info@andreazanoni.it 

Tel. (Bruxelles) +32 (0)2 284 56 04

Tel. (Italia) +39 0422 59 11 19

Sito www.andreazanoni.it

Twitter Andrea_Zanoni

Facebook Andrea Zanoni

Youtube AndreaZanoniTV

Condividi

Consulta l'archivo per mese ed anno

Ultimi comunicati stampa