Il Cedro del Libano centenario di Porcellengo doveva essere eliminato a tutti i costi e così l’Amministrazione comunale di Paese alla fine c’è riuscita, venerdì le motoseghe sono entrate in funzione distruggendo in pochi minuti quello che la natura aveva creato in un secolo.

 

Saranno in molti a ricordarlo, quell’albero ha fatto ombra ad intere generazioni, è stato testimone di momenti conviviali, di giochi dei bambini, di “ciacoe” tra nonni e nonne.

 

Per l’amministrazione però era troppo pericoloso e così armata di costose perizie ha potuto sentenziarne la condanna a morte. Le spoglie del cedro però ci mostrano visivamente che il tronco era sano …..

 

Avremmo mai una legge che tuteli il verde pubblico ? Mi impegnerò anche per questo perché è ora di farla finita con queste inutili condanne a morte.

 

Andrea Zanoni