Il Coordinamento Protezionista Veneto ha voluto ringraziarmi a modo suo (con alcuni manifesti) per il lavoro che ho fatto quest'anno in Europa contro l'incivile barbarie della caccia in deroga. A mia volta voglio ringraziare loro e tutti gli attivisti anti caccia che da anni sono impegnati sul campo contro le aberrazioni di questa pratica medievale e spesso a cavallo del confine dell'illegalità.

 

Senza il sostegno e l'impegno di migliaia di volontari che quotidianamente lottano per il rispetto delle normative nazionali e comunitarie sulla caccia, l'ottimo risultato che abbiamo raggiunto quest'anno non sarebbe stato possibile. A loro, quindi, va il mio di ringraziamento.

Per quanto mi riguarda, quest'anno ho fatto il possibile affinché le normative europee vengano rispettate alla lettera anche in quelle regioni, come Veneto e Lombardia, più sensibili a soddisfare i pruriti della lobby ingorda dei cacciatori.

Per quest'anno abbiamo potuto festeggiare il "funerale della caccia in deroga" (LEGGI LA CRONISTORIA)

L'obiettivo verso cui lavorerò giorno dopo giorno sarà un referendum nazionale sulla caccia, per voltare pagina una volta per tutti con questa pratica barbara e incivile.

Andrea Zanoni

manifesti