Venezia, 7 gennaio 2019

“Com’è possibile che un cantiere della Pedemontana funzioni con tanto di movimenti terra e potenti mezzi in azione, durante una festività nazionale come l’Epifania, con camion che scaricano liberamente materiale rischiando di inquinare le acque dei nostri fiumi? È un episodio gravissimo, chiederò chiarimenti alla Giunta Zaia, che mi auguro intervenga in fretta”.

 

A dirlo è Andrea Zanoni, consigliere regionale e vicepresidente della commissione Ambiente, dopo aver partecipato all’Epifania della Terra nei pressi del cantiere della Superstrada Pedemontana a ridosso della galleria di Vallugana, a Malo. “Mentre eravamo lì, circa 300 persone, ad assistere alla cerimonia religiosa tenuta da don Albino Bizzotto dei Beati i costruttori di pace, a poca distanza un potente camion ha scaricato del materiale, causando un rimbombo ben udibile a molta distanza.

 

Poco dopo, alcuni residenti sono venuti a segnalarci che l’acqua della Roggia Favellina Molina, che successivamente si immette sull’Orolo che poi confluisce sul Bacchiglione, si era tinta di color cemento; sembrava proprio percolato di cemento. Ad assistere increduli alla scena anche le colleghe Guarda e Bartelle e l’onorevole Cunial. È stato prelevato un campione e sono stati avvisati immediatamente i carabinieri forestali.

 

Depositerò un’interrogazione per capire le responsabilità e chiarire come sia possibile che un cantiere del genere resti aperto durante una festività nazionale, periodo durante il quale anche gli addetti ai controlli sulla tutela dell’ambiente e della sicurezza sul lavoro sono ridotti al minimo”.