ANDREA

ZANONI

Europee 2024

Cerca

Torre Ascon a Busche (BL), Ue pronta ad intervenire in nome delle direttive Aria e Habitat

Il Commissario Ue all’Ambiente risponde all’eurodeputato Andrea Zanoni: a fine mese saranno disponibili i dati sull’inquinamento dell’aria in Europa compresa la regione interessata dal progetto Torre Ascon (BL). L’Ue è pronta ad intervenire in caso di violazioni alla direttiva Aria e Habitat. Zanoni: “Le autorità italiane continuano a sfidare Bruxelles sull’ambiente. Basta immettere veleni nell’aria che respirano i cittadini

 

“La Commissione, quando riceverà la relazione annuale sulla qualità dell’aria ambiente, attesa entro il 30 settembre 2013, verificherà se nell’area in questione le concentrazioni di particelle nell’aria ambiente sono conformi ai valori limite stabiliti dalla direttiva 2008/50/UE sulla qualità dell’aria”. E’ la risposta del Commissario Ue all’Ambiente Janez Potočnik all’interrogazione di Andrea Zanoni, eurodeputato ALDE e membro della commissione ENVI Ambiente, Sanità Pubblica e Sicurezza Alimentare al Parlamento europeo. Zanoni: “L’Italia è già stata condannata nel 2012 per le violazioni alla direttiva Aria e il Nord Est resta tra le zone più inquinate d’Europa”.

 

Sotto accusa il nuovo impianto “Torre Ascon”, nel comune di Busche (BL) a circa 60 metri dalla sponda destra del fiume Piave all’interno di un Sito di Interesse Comunitario SIC e ai confini di una Zona di Protezione Speciale ZPS, una struttura che andrebbe ad aggiungersi ad una uguale nella medesima area.

 

Per quanto riguarda l’impatto ambientale del progetto, il Commissario Ue ribadisce che “è in primo luogo competenza delle pertinenti autorità nazionali garantire la conformità con le disposizioni della direttivaHabitat (1992/43/CEE) che dispone, all’articolo 6, che gli effetti negativi sui siti Natura 2000 di qualsiasi piano o progetto devono essere evitati e attenuati, o che, in determinate condizioni, sia necessaria l’adozione di misure compensative”.

 

Questo vuol dire che Bruxelles si riserva il diritto di intervenire se le autorità italiane non rispetteranno le disposizioni della direttiva Habitat – spiega Zanoni – Intervento che si andrebbe ad aggiungere a quello sulla qualità dell’aria se dal rapporto che sarà pubblicato a fine mese emergerà che nella regione sono stati superati i limiti europei di particelle inquinanti”. Un’eventualità secondo l’eurodeputato tutt’altro che remota visto che “in quasi tre anni non sono ancora state realizzate da parte della società proprietaria dell’impianto le opere di mitigazione ambientale previste indicate nello stesso screening Valutazione di incidenza ambientale VINCA effettuata”. (VEDI BACKGROUND)

 

Ricordo ancora una volta che l’Italia è stata già condannata dalla Corte di Giustizia UE lo scorso 19 dicembre 2012 proprio per la continua violazione della direttiva Qualità dell’aria. Progetti come quelli di Torre Ascon non fanno altro che avvelenare ulteriormente l’aria che respiriamo e spingere l’Italia verso una sonora procedura d’infrazione europea”, conclude Zanoni.

 

BACKGROUND

 

Come rilevato dall’Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione ambientale del Veneto ARPAV nella relazione stilata in seguito a un sopralluogo effettuato in data 22 novembre 2012, non sarebbero stati realizzati il completamento della piantumazione di alberi ad alto fusto e il mascheramento della torre asfalti e del frantoio per inerti, volte a fare da barriera alle polveri, l’irrigazione delle strade e il regolare spazzamento di accessi e uscite dal cantiere. Secondo quanto appreso dalla stampa e quanto dichiarato dal sindaco di Cesiomaggiore, la società proprietaria vorrebbe anche essere autorizzata ad adottare accorgimenti per la tutela dei cittadini meno onerosi di quelli già previsti.

 

Ufficio Stampa Eurodeputato Andrea Zanoni

Email stampa@andreazanoni.it

Tel (Bruxelles) +32 (0)2 284 56 04

Tel (Italia) +39 0422 59 11 19

Blog  www.andreazanoni.it

Twitter Andrea_Zanoni

Facebook ANDREA ZANONI

Youtube AndreaZanoniTV

Condividi

Consulta l'archivo per mese ed anno

Ultimi comunicati stampa