ANDREA

ZANONI

Europee 2024

Cerca

Porto Tolle, Enel rinunci alla riconversione della centrale

Rovigo, 12-03-2012

Andrea Zanoni plaude al passo indietro fatto dall’amministratore delegato Enel  Fulvio Conti. “La riconversione a carbone della centrale è  preistoria energetica. Enel abbandoni per sempre questo progetto”.
“Enel getti la spugna, la riconversione a carbone della centrale elettrica di Porto Tolle è un progetto fallimentare che va abbandonato per sempre”. Così Andrea Zanoni, Eurodeputato IdV, commenta le dichiarazioni dell’amministratore delegato di Enel Fulvio Conti secondo il quale “non c’è fretta per la conversione della centrale di Polesine Camerini”.

“Enel deve aver capito che il progetto di Porto Tolle è un’aberrazione che è durata già troppo tempo e quindi ha fatto un passo indietro. Come si dice, meglio tardi che mai”.

Proprio in questi giorni l’amministratore delegato di Enel  Fulvio Conti sembra aver rallentato sul progetto della centrale di Porto Tolle “dove viaggiamo tra alti e bassi con interventi di diversi livelli di amministrazione”, ha detto, cosa che rende “particolarmente difficile programmare il lavoro”. Inoltre per il 13 aprile è attesa la sentenza del Consiglio di Stato sulla legittimità del progetto dopo la precedente bocciatura del decreto Via.

“Un progetto basato sulla preistoria energetica come quello della riconversione a carbone di Porto Tolle non può che naufragare – aggiunge Zanoni – speriamo che la sentenza del Consiglio di Stato aiuti Enel e la Regione a capire che il ritorno al carbone a Rovigo non sta né in cielo né in terra”.

Zanoni aveva già presentato un’interrogazione alla Commissione europea sulla presunta violazione della direttiva Ue 85/337/CEE da parte del progetto di centrale a carbone di Porto Tolle. “Questa centrale produrrebbe 10 milioni di tonnellate di Co2 all’anno – conclude Zanoni – un’inquinamento che fa a pugni con la nuova road map europea per un’economia a bassa emissione di carbonio che prevede una riduzione di circa il 90% di Co2 entro il 2050, strategia che verrà votata proprio giovedì prossimo a Strasburgo”.

Email stampa@andreazanoni.it
Tel (Bruxelles) +32 (0)2 284 56 04
Tel (Italia) +39 0422 59 11 19
Sito www.andreazanoni.it
Twitter Andrea_Zanoni

Condividi

Consulta l'archivo per mese ed anno

Ultimi comunicati stampa