ANDREA

ZANONI

Consigliere Regionale

Cerca

La Provincia di Treviso non si sporchi le mani col sangue dei cuccioli di volpe

La decisione della  Provincia di Treviso di autorizzare l’abbattimento di 1.050 Volpi, adulti e cuccioli compresi, in tre anni è a dir poco vergognosa. Una decisione scellerata quella dell’assessore provinciale alla caccia e cacciatore lui stesso, Mirco Lorenzon, che ha dato il via all’uccisione di 350 Volpi l’anno per il triennio 2013/2016. Il Piano triennale della Provincia di Treviso prevede in totale l’abbattimento di 1.050 esemplari. Le uccisioni avverranno anche di notte con cani da caccia e fari spianati. Queste terribili uccisioni saranno commesse anche in primavera quando le Volpi hanno i cuccioli direttamente nelle loro tane dalle quali verranno brutalmente stanate dai cani dei cacciatori.

La caccia alla Volpe, soprattutto in tana, è una della pratiche più barbare che ci possano essere. Le Volpi, mamme e cuccioli, vengono tirate a forza e a morsi fuori dalla loro piccola tana da questi cani da caccia resi inferociti dall’addestramento brutale dei cacciatori. I cani si scagliano contro le Volpi che difendono con tutte le loro forze, ma invano, i loro piccoli che fino a qualche minuto prima sono stati allattati teneramente dalla loro mamma. Una lotta impari vista la disparità numerica e i colpi inferti anche dai cacciatori con bastoni, fucili o qualsiasi cosa capita a tiro. Le Volpi vengono poi finite con un colpo di fucile, ormai esangui a terra.

 

Ecco che dopo le Nutrie e i Colombi, adesso la Provincia di Treviso prende di mira le Volpi e lo fa  con la ridicola scusa del mantenimento degli equilibri tra specie, i danni ai campi e la perdita di qualche gallina. Una strage voluta perché le Volpi cacciano naturalmente proprio quella fauna immessa dai cacciatori sul territorio, come fagiani e lepri, per il proprio divertimento, e che i cacciatori vorrebbero “uccidere in esclusiva”. Si tratta di una crudeltà inaudita anche per i cani stessi che escono gravemente feriti e mutilati dopo le battute di caccia. In realtà si tratta dell’ennesimo regalo fatto alla lobby dei cacciatori, liberi così di sfogare la propria violenza sanguinaria nei confronti di questi animali e dei loro cuccioli.

 

Il paradosso è che questa assurda crudeltà viene compiuta con i soldi dei contribuenti trevigiani, già lautamente spesi per cacciare le nutrie, visto che saranno coinvolti, oltre ai cacciatori, anche il personale dell’ufficio caccia e le guardie ambientali della Provincia di Treviso.

 

In questo modo la Provincia di Treviso stravolge l’intero ciclo naturale che vede cacciata la Volpe, predatrice naturale di ratti e nutrie, dopo che le stesse nutrie sono state fatte oggetto di caccia dal parte della Provincia e sempre per qualche millantato danno all’agricoltura. Per questo invito la Provincia a rivedere immediatamente le sue scelte che non contribuiscono in alcun modo al mantenimento degli equilibri naturali tra le specie. Invito anche caldamente le associazioni ambientaliste e animaliste come LAV, ENPA, WWF e LIPU ad impugnare questa autorizzazione al TAR del Veneto perché viola l’attuale normativa che prevede simili interventi solo nel caso in cui i i metodi ecologici non portino ad alcun risultato.

 

Andrea Zanoni

Condividi

Consulta l'archivo per mese ed anno

 
Ultime News