ANDREA

ZANONI

Europee 2024

Cerca

Ancora amianto a Paese

Mosole ai Paesani: «Penso giorno e notte come fare per fregarvi»
Zanoni: “Se Mosole pensa a come “fregarci”, noi penseremo a come fermarlo”

 

Si è svolto con successo il sit-in del 17 maggio 2012, promosso da Paeseambiente presso il multi-sala Manzoni di Paese, contro il progetto della discarica TERRA di Mosole, a Porcellengo.
Paeseambiente ha segnalato l’assoluta nocività del progetto: conferire ben 460.000 metri cubi di amianto in un territorio ed a carico di una comunità già martoriati da discariche anche altamente pericolose è una vera sciagura!

Hanno preso parte alla manifestazione circa 200 persone: con numerosi cartelli e slogan, hanno presidiato pacificamente l’ingresso del Manzoni, fino alla presentazione del progetto, alle 20.30
Tutte le formazioni politiche che siedono in consiglio comunale a Paese hanno ribadito la loro contrarietà al progetto presentato dalla ditta TERRA: Paese ripiomberebbe nell’incubo amianto, già allontanato nel 2006 da una sentenza del Consiglio di Stato.
Oltre all’eurodeputato IdV Andrea Zanoni presidente di Paeseambiente, al consigliere IdV, Cristina Fucile, anche i rappresentanti delle altre opposizioni con Mardegan in prima linea e della maggioranza hanno aderito all’iniziativa di Paeseambiente: hanno presenziato, così, anche il sin-daco Pietrobon e diversi esponenti della sua giunta.
 
Tutti i partecipanti al sit-in hanno poi seguito la presentazione del progetto, curato dagli studi di progettazione .Tale presentazione è stata introdotta da Rudy Mosole, proprietario della società TERRA, che ha ribadito come lui fosse tenuto per legge a sottoporre il progetto.
Peraltro, la presentazione è stata molto carente: il gestore della discarica ha addirittura affermato che lui pensa giorno e notte come fare per fregarci.
Lo stesso Mosole, consigliato ironicamente da molti dei presenti di portare a casa sua l’amianto, ha ribattuto provocatoriamente che a casa sua non ha posto per l’amianto e che il buco dove mettere l’amianto lui lo ha a Paese.
La presentazione, a cura dei tecnici di parte, ha pure censurato ogni riferimento ed ogni informazione sulla sentenza del Consiglio di Stato che aveva dichiarato illegittimo l’amianto conferito in quella discarica. Inoltre, non si è parlato di piano finanziario: quest’operazione converrà a pochi, ma si rivelerà un danno assoluto per moltissimi.
Non si è fatto alcun cenno neppure ai rifiuti non conformi conferiti l’anno scorso in quella stessa discarica e per i quali è in corso un procedimento da parte della provincia di Treviso.
Tutti gli interventi del pubblico, chiusi dal Sindaco Pietrobon,  hanno chiesto in modo energico, e fermo a Mosole di desistere.
 
Paeseambiente ringrazia di cuore tutti coloro che hanno partecipato alla manifestazione: l’impegno e l’attenzione dei molti cittadini presenti saranno utili anche per sostenere e stimolare l’amministrazione comunale in questa sacrosanta battaglia a tutela della salute di tutti e di ciò che resta del nostro territorio. Scomodando Manzoni, vogliamo ribadire ad alta voce che questo dissennato progetto «non s’ha da fare, né domani, né mai».

 

Info per la stampa
Paeseambiente
349/8109087

Condividi

Consulta l'archivo per mese ed anno

Ultimi comunicati stampa