ANDREA

ZANONI

Consigliere Regionale

Cerca

24 domande sulla caccia… per sbugiardare i cacciatori

Sulla caccia ci sono troppe bugie, troppi falsi miti, troppe leggende. Dicono che la caccia serva alla natura, che costituisca un servizio indispensabile all’equilibrio faunistico. Ebbene in questa chiacchierata con Michele Favaron, uno degli autori del blog Il Sorpasso delle Specie, cerchiamo di fare un po’ di chiarezza su cosa sia davvero la caccia. Perché per capire la realtà ci vogliono i FATTI, non i miti. In allegato le risposte.

 

Andrea Zanoni

 


1. L’attività dei cacciatori è necessaria all’equilibrio della natura?

2. Negli ultimi anni si è osservato un aumento delle popolazioni di corvidi come la cornacchia e la gazza comune, specie ritenute tutt’altro che benefiche. I cacciatori possono aiutarci a controllare questo fenomeno?

3. La popolazione dei cinghiali nei Colli Euganei sembra essere fuori controllo. Gli agricoltori denunciano spesso i danni alle coltivazioni. La cosiddetta “caccia di selezione” è in questo caso necessaria.

4. E’ vero che senza il ripopolamento faunistico effettuato dai cacciatori la fauna selvatica sarebbe in crisi?

5. E’ vero che grazie ai cacciatori e al loro lavoro si prevengono pandemie come la cheratocongiuntivite che colpisce ad esempio gli stambecchi montani?

6. La caccia di selezione è una pratica fondamentale al rafforzamento delle comunità selvatiche?

7. Perché mai la caccia, la cui tradizione si perde nella notte dei tempi, dovrebbe cessare proprio adesso?

8. Qualcuno potrebbe domandarsi che colpa abbiano i cacciatori nel caso cacciassero per nutrizione e non per sport. Che cosa pensa di questo fatto in merito all’Italia?

9. Ci sono delle specie in Italia che sono a rischio estinzione? I cacciatori non potrebbero aiutarci a ripopolarle grazie al loro operato?

10. I cacciatori sono capaci di discernere le specie cacciabili di uccelli da quelle protette quando sono in volo?

11. Come si pronunciano in media gli italiani sulla caccia?

12. Come membri dell’Unione europea siamo tenuti a rispettare delle direttive in materia di caccia?

13. La Regione Veneto regolamenta in modo sufficiente la caccia? Si dimostra rispettosa e interessata alla conservazione della fauna selvatica?

14. Ci sono stati casi di connivenza tra cacciatori e amministrazioni locali in passato? Se sì, adesso possiamo ritenere che queste cose non possano più succedere?

15. Ci sono mai stati casi eclatanti di violazione di aree naturali protette da parte dei cacciatori?

16. Il bracconaggio in Italia può essere considerato un problema debellato?

17. Perché mai mangiare “polenta e osei” dovrebbe essere ritenuto sbagliato? Perché si possono mangiare il pollo, il maiale e la carne di manzo e invece si storce il naso quando si parla di mangiare uccelli?

18. Spesso gli ambientalisti e gli animalisti accusano i cacciatori di essere i responsabili della crisi della diversità biologica e del calo delle specie selvatiche. Ma questo fatto non sarebbe forse più da imputare all’agricoltura intensiva e all’eliminazione di alberi e siepi campestri dalle zone rurali?

19. I cacciatori italiani godono forse di privilegi rispetto ai cittadini che non cacciano?

20. Lo Stato italiano e la Regione Veneto usano soldi dei contribuenti per finanziare la caccia?

21. Cosa sono i richiami vivi?

22. Quanti animali si stima vengano abbattuti ogni anno in Italia a causa della caccia?

23. Cosa pensa dell’affermazione “Se la caccia venisse abolita ci sarebbe un’esplosione di illegalità, quindi meglio regolamentarla e non eliminarla”?

24. L’estate 2012 è stata molto siccitosa. Questo fatto ha avuto delle ricadute sulla fauna selvatica?

 

Condividi

Consulta l'archivo per mese ed anno

 
Ultime News