Ho ricevuto con piacere Padre Tomasz Jaeschke al Parlamento europeo, il prete animalista che dopo essere stato a Roma lo scorso 4 ottobre (giorno di San Francesco) è venuto a Bruxelles a manifestare di fronte alle istituzioni europee in nome di un maggior rispetto dei diritti degli animali. Padre Tomasz è una persona coraggiosa e intraprendente che porta avanti delle istanze molto innovative che dovrebbero essere fatte proprie da tutta la Chiesa e dalla Politica internazionale (FOTO).

L'obiettivo di Padre Tomasz è promuovere i diritti dei nostri fratelli animali. Il ruolo della politica, come quello della religione, è fondamentale a questo scopo, mi ha detto. Ebbene mi auguro che l'appello di questo uomo di fede non resti inascoltato e che a Roma come a Bruxelles i diritti degli animali escano dal dimenticatoio in cui sono spesso abbandonati.

Padre Tomasz ha manifestato lo scorso 4 ottobre per due giorni di ritiro e digiuno in piazza San Pietro a Roma. Un gesto di solidarietà, verso tutti quegli esseri viventi, umani e animali, che non possono comunicare verbalmente e che per tale motivo vengono ignorati, discriminati, disprezzati, abusati o maltrattati.

Ho voluto rinnovargli il mio impegno affinché l'Ue colmi le lacune oggi esistenti sulla tutela degli animali, dal limite delle otto ore per il trasporto degli animali vivi ad una direttiva per la protezione degli animali d'affezione. Il percorso, politico e religioso, è lungo, ma io e padre Tomasz siamo determinati ad andare avanti finché ai nostri amici animali sia finalmente garantita l'esistenza che spetta a tutte le forme di vita del mondo.

 

Andrea Zanoni