“Invece di approvare una legge che ha il sapore della foglia di fico, la Giunta riveda subito, da cima a fondo, la programmazione delle infrastrutture in Veneto”.

L’attacco è dei consiglieri regionali del PD, Stefano Fracasso e Andrea Zanoni, rispettivamente vice presidenti  della I e II Commissione che oggi, in seduta congiunta, si sono espresse sul progetto di legge che punta a modificare le leggi regionali 27.2003 e 15.2002, in materia di finanza di progetto per la realizzazione di infrastrutture di viabilità e trasporto. In sede di voto il PD ha espresso il proprio voto contrario.

“Abbiamo votato contro questo provvedimento perché non abbiamo ottenuto risposte chiare su quanto venga a costare ai veneti tutta una serie di opere rimaste al palo. La situazione nella quale si trova la programmazione del Veneto nel settore delle infrastrutture è il frutto di 10 anni di errori. Ci sono 7 opere in project financing che hanno già ricevuto la dichiarazione di pubblica utilità ma che sono bloccate: il loro costo complessivo è di 7,8 miliardi di euro, di cui sono solo 83 i milioni di contributo pubblico previsto. E’ doveroso che la Giunta riveda l’intera programmazione, cosa che viene chiesta anche da alcuni consiglieri che appartengono alla maggioranza. A testimonianza che ci troviamo in una situazione a dir poco imbarazzante”.

“L’unico obiettivo di questa legge è quello di costituire un fondo per pagare gli indennizzi per alcune opere che non possono essere realizzate. Ma noi non ci stiamo a fare da paravento agli errori altrui. Avevamo chiesto di sospendere l’iter e di consultare l’avvocatura - concludono Fracasso e Zanoni -  ma la maggioranza ha voluto procedere ugualmente col voto. In aula faremo in modo di dare vera sostanza a questa legge”.

 

In allegato elenco opere in Project Financing in Veneto fornito dall'Assessore De Berti.


Tabella Interventi Ass. De Berti.pdf