Comunicato stampa

Zanoni (PD): 

 

Venezia, 19 dicembre 2020

“Curioso come la Lega a Roma con i suoi deputati batta cassa con il Governo chiedendo misure concrete, ovvero risorse economiche, contro il maltrattamento degli animali e a Venezia azzeri i fondi per contrastare il randagismo. Le nostre proposte sono state tutte respinte e non basta la promessa di una legge organica: il Pdl leghista era già pronto nella scorsa legislatura ed è rimasto chiuso in un cassetto perché mancava la volontà politica. In attesa che arrivi in Commissione prima e in aula poi, passeranno mesi, ma c’è bisogno adesso di soldi per i rifugi e per fare le sterilizzazioni, perché il randagismo soprattutto felino è fuori controllo.  Rizzotto e Pan la smettano di prendere in giro gli amanti degli animali e le associazioni che li tutelano. Ancora tante chiacchiere ma zero fatti: a bilancio non c’è un euro”.  È quanto affermato da Andrea Zanoni, consigliere regionale del Partito Democratico, commentando la bocciatura di tre emendamenti in materia, di cui è primo firmatario e sottoscritti dai colleghi dei gruppi del PD ed Europa Verde, nel corso della sessione di bilancio.   

 

“Avevamo proposto di creare un fondo per la sterilizzazione di gatti e cani randagi, in modo da aumentare gli interventi effettuati anche in ambulatori di veterinari liberi professionisti convenzionati con Ulss, Comuni e associazioni di protezione animali, da finanziare con 150mila euro. Sul fronte della prevenzione ne chiedevamo 50mila per favorire programmi di informazione ed educazione sul rispetto degli animali e la tutela della loro salute, con particolare attenzione al problema del randagismo e alle sue conseguenze. Infine uno stanziamento da 250mila euro da destinare alle associazioni e ai volontari, convenzionati con Comuni e Asl, per la creazione e la gestione di nuovi rifugi e per ricoveri e recuperi temporanei di cani e gatti.  Visti gli accalorati interventi in aula degli esponenti di Lega e Fratelli d’Italia pensavo che il voto fosse favorevole. Evidentemente era una presa in giro. La leghistissima Lombardia lo scorso anno ha stanziato 1,2 milioni contro l’abbandono di animali, la vicina Emilia Romagna ha appena destinato 600mila euro ai Comuni per realizzare nuovi rifugi temporanei per cani e gatti e per ammodernare o migliorare le strutture esistenti. In Veneto, invece, tutto rinviato a tempo indeterminato”.