Con le nuove disposizioni della regione Veneto i vigneti minacciano i boschi collinari e prealpini. Oggi è possibile trasformare in zone agricole, in particolare con coltivazioni di vigneti, molte aree che fino ad ora erano considerate bosco dalla legge del 1978. Queste trasformazioni sono spesso all’origine di frane e smottamenti dato che contro questi fenomeni i boschi rappresentano la prima difesa.  Le coltivazioni intensive di vigneti detti pure dagli addetti ai lavori  "vinifici", rappresentano anche un problema per la salute dei cittadini  considerato l’uso
eccessivo di pesticidi e fitosanitari.

L’Unione Europea ci chiede di aumentare la superficie boschiva per assorbire le emissioni di gas serra, come previsto dal protocollo di Kyoto, ma il Veneto consente l'eliminazione dei boschi.

Mi rivolgo al Presidente della Regione, alla Giunta Regionale e al Consiglio Regionale del Veneto
affinché venga abrogato l’articolo 31 della legge 3 del 5 aprile 2013 per salvare i boschi, le nostre colline, la salute dei cittadini e la biodiversità, che sta sempre più scomparendo.
L'ambiente fa gli uomini e li unisce: è un bene di tutti, ed è un valore da proteggere.