Il falso veterinario operava proprio in provincia di Treviso ma in realtà era l'accalappiacani dell'Asl di Asolo. Raccontava ai proprietari degli animali curati che i cuccioli erano morti durante le cure per poi venderli. Era soprannominato "il veterinario" e alle chiamate dei clienti, che lo credevano un vero veterinario, accorreva con l'ambulanza veterinaria di proprietà dell'USL 8, che sarebbe dovuta servire per il recupero degli animali vittime di incidenti. Ora è stato denunciato dai Carabinieri per i reati di peculato, truffa, abuso d’ufficio, sostituzione di persona e falso. Invito tutti i cittadini che sono stati vittima di questo losco figuro a rivolgersi ai Carabinieri di Montebelluna. Andrea Zanoni