Strasburgo, 13-03-2012

 

 

Antonio Tajani, vice presidente della Commissione europea, risponde ad Andrea Zanoni dopo che l’eurodeputato IdV aveva portato alla sua attenzione, con i colleghi Serracchiani, Bizzotto e Scottà,  il caso dei licenziamenti alla Ditec S.p.A a Quarto d’Altino.

 

Zanoni assieme ai colleghi Cofferati e Serracchiani, per cercare di impedire la delocalizzazione dell’azienda di proprietà della multinazionale svedese Assa Abloy aveva anche presentato un’interrogazione congiunta alla Commissione europea per chiedere da parte dell’Europa una risposta congiunta per contrastare il fenomeno della disoccupazione crescente in tutta Europa.
“Concordo pienamente con lei – ha scritto Tajani – che l’Europa ha bisogno di una risposta comune per fronteggiare alcuni rischi derivanti dalla globalizzazione. Ma allo stesso tempo servono politiche comuni per consentire alle imprese europee di cogliere appieno i vantaggi della globalizzazione e potenziare la loro competitività. A questo riguardo, come lei ben saprà, sto portando avanti una serie di azioni a favore delle imprese europee e, in particolare, delle pmi, tra cui spicca l’attuazione dell’iniziativa faro Europa 2020: “Una politica industriale integrata per l’era della globalizzazione”.
Per quanto riguarda una visita alla Ditec, proposta da Zanoni a Tajani, il vice presidente della Commissione europea ha risposto di tenere in considerazione la proposta, cercando di farla coincidere con altri appuntamenti in zona.
Andrea Zanoni in merito alla risposta di Tajani ha commentato:” Mi fa molto piacere che il Commissario Tajani sia del mio stesso parere per quanto riguarda un maggior impegno e serie azioni a favore della imprese europee e riconosca la necessità di una politica europea contro la delocalizzazione delle imprese, spero però che ora attui delle azioni concrete per passare dalle parole ai fatti”.

Email stampa@andreazanoni.it
Tel (Bruxelles) +32 (0)2 284 56 04
Tel (Italia) +39 0422 59 11 19
Sito www.andreazanoni.it
Twitter Andrea_Zanoni