Vi invito a partecipare a Vicenza alla conferenza dal titolo “Basta richiami vivi e uccellagione" che si terrà a  Vicenza, giovedì 7 novembre alle 21.00, presso l’Alfa Fiera Hotel di via dell’Orologeria 50 in zona Fiera

 

Ci saranno gli interventi di Claudio Linzola, Legale che ha impugnato le delibere sull’uccellagione in Veneto, Carlotta Fassina Delegata Regionale LIPU-Lega Italiana Protezione Uccelli Veneto, Graziella Zavalloni Presidente Nazionale LAC-Lega Abolizione Caccia Italia. Introdurrà la serata Renzo Rizzi, Responsabile del CPV-Coordinamento Protezionista Veneto. 

 

«La Regione Veneto quest’anno ha autorizzato ben 37 tra roccoli e prodine, di cui 16 nel vicentino. Sono impianti muniti di reti da uccellagione per la cattura di Tordi, Merli, Cesene e Allodole che finiranno rinchiusi per sempre in minuscole gabbiette come richiami vivi utilizzati dai cacciatori negli appostamenti di caccia. Il 4 ottobre scorso ho presentato un’interrogazione alla Commissione europea per fermare le deroghe illegittime ripetutamente concesse per la cattura di uccelli con le reti da uccellagione da utilizzarsi come richiami vivi nella caccia da capanno - ha affermato Zanoni - Nonostante i moniti dell’Ue e i continui pareri contrari dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) istituto tecnico scientifico dello Stato, la Provincia di Verona e la Regione Veneto continuano ad autorizzare impianti di cattura muniti delle reti da uccellagione, mezzo di cattura non selettivo, vietato dall’articolo 8 della Direttiva “Uccelli”2009/147/CE. Ho chiesto, quindi, alla Commissione di aprire una procedura d’infrazione per questi amministratori che si credono al di sopra della legge nazionale ed europea e mi sono rivolto al Commissario straordinario della Provincia di Vicenza, Attilio Schneck, sollecitando  l’immediata chiusura di questi impianti che violano la Direttiva “Uccelli”».

 

Alla conclusione degli interventi il dibattito sarà aperto al pubblico.

 

volantino vicenza 7 nov