Appoggio con decisione la manifestazione di domenica 28 aprile a Roma per chiedere l'abolizione della vivisezione. Apriamo le gabbie di tutti i poveri animali sacrificati nei laboratori. Diciamo Basta per sempre alla vivisezione.

 

Scendere in piazza e urlare la propria contrarietà alla sperimentazione animale costituisce un gesto di civiltà e solidarietà nei confronti dei milioni di poveri cuccioli che continuano ad essere sacrificati nei laboratori di tutto il mondo.

 

Domenica 28 Aprile a Roma è stata organizzata una marcia per dire ancora una volta NO alla vivisezione. La partenza della manifestazione è prevista alle ore 14.00 da Piazza della Repubblica con arrivo a Piazza di San Giovanni in Roma. Nello stesso giorno del 2012, a Green Hill, ha avuto luogo la più importante liberazione animale della storia.

 

La vivisezione è una pratica barbara, anacronistica e ormai superata da molti studi scientifici che ne hanno dimostrato l’inutilità. Le grandi multinazionali della farmaceutica devono fare tutto il possibile per sviluppare le alternative alla vivisezione, investendo il massimo delle risorse

 

Per questo sono stato in prima fila nella battaglia contro il canile lager di Green Hill, poi fortunatamente chiuso. E sempre per questo, più recentemente, il 29 marzo 2013, ho partecipato alla manifestazione di fronte ai cancelli della Glaxo/Aptuit di Verona organizzata dalle associazioni FRECCIA 45 – COORDINAMENTO FERMARE GREEN HILL – COMITATO MONTICHIARI CONTRO GREEN HILL per manifestare contro la vivisezione (VIDEO). Sulla Glaxo ho voluto andare ancora più a fondo, chiedendo un incontro con il Vicepresidente Unipersonale della GlaxoSmithKline S.p.A. di Verona, Daniele Bertolani, per parlare dei 32 cani beagle che dovrebbero essere arrivati nella struttura per essere utilizzati in attività di ricerca da laboratorio.

 

In Europa farò al possibile affinché un giorno si arrivi finalmente a dire addio a questa barbara e inutile pratica.

 

Andrea Zanoni