RIFIUTI: CONTENITORI IN ACCIAIO RIDUCONO IMPATTO AMBIENTALE DEL 30% QUELLI ALIMENTARI SEMPRE PIU' SOSTENIBILI CON RICICLO E SVILUPPO TECNOLOGICO Roma, 26 mar. - (Adnkronos) - Imballaggi metallici sempre piu' sostenibili. Negli ultimi dieci anni l'impatto ambientale dei contenitori in acciaio per alimenti si e' ridotto in media del 30%, grazie al miglioramento del tasso di riciclo e allo sviluppo tecnologico. Il dato emerge da uno studio dell'Empac (European Metal Packaging) sulle performance ambientali della 'scatoletta' in banda stagnata da 425ml ad uso alimentare utilizzata, ad esempio, per pomodori, conserve vegetali, cibo per animali domestici. Stando ai dati raccolti la quantificazione di tutte le emissioni di gas ad effetto serra lungo tutto il ciclo di vita del prodotto, dall'estrazione delle materie prime allo smaltimento finale, si e' ridotta nel periodo 2000-2010 del 30%. Questa riduzione dell'impronta climatica e' stata ottenuta grazie ai progressi tecnologici compiuti dalle aziende produttrici, che hanno comportato una costante riduzione del peso dei contenitori, e dal forte miglioramento dei tassi di riciclo degli imballaggi in banda stagnata. Infatti, nel periodo preso in esame, il peso medio del contenitore metallico e' diminuito del 6%, mentre il tasso di riciclo medio europeo e' aumentato del 44%. Il risultato si inserisce nella roadmap per l'uso efficiente delle risorse stilata dall'Unione Europea. Nel medio termine, continuando a promuovere il riciclo in particolar modo nei paesi meno virtuosi e diminuendo ancora il peso degli imballaggi, potra' essere ottenuto un ulteriore risparmio a due cifre. Il settore comprende piu' di 200 aziende e 70,000 dipendenti che producono oltre 100 miliardi di unita' all'anno. Nel 2010 gli imballaggi in acciaio hanno raggiunto un tasso di riciclo record del 72% in Europa, con un numero crescente di paesi oltre l'80%. (Mst/Opr/Adnkronos) 26-MAR-13 11:42 NNNN  


Scarica comunicato