Bruxelles, 20 nov. (Adnkronos)

 

La Commissione europea ha inviato all'Italia un avviso motivato sul mancato adeguamento alla legislazione europea sul contrasto al traffico di esseri umani, secondo passaggio della procedura di infrazione della Ue. L'esecutivo Ue ha chiesto formalmente all'Italia di adeguarsi alla legislazione europea sul contrasto al traffico di esseri umani, che prevede norme per la punizione dei trafficanti e il sostegno alle vittime.

 

Dopo più di sei mesi dalla scadenza del termine per l'adozione della direttiva Ue e nonostante la nota formale dello scorso maggio, l'Italia non ha ancora notificato alla Ue le misure prese per conformarsi alle norme europee. Se l'Italia non si adegua entro due mesi, la Commissione potrebbe decidere di deferire l'Italia alla Corte di Giustizia.


Scarica comunicato