AMBIENTE: LIPU, SPECIE PROGETTO IN MIRINO DOPPIETTE ILLEGALI (NEWSLETTER AMBIENTE) (ANSA) - BRUXELLES, 30 LUG - Fra l'estate 2012 e l'estate 2015 una maxi-campagna di informazione fra Italia, Grecia e Spagna coordinata dalla Lipu cerchera' di salvare la vita di migliaia di migratori protetti. Ecco le specie vittime della caccia fuorilegge al centro del progetto cofinanziato dal programma europeo Life+: - SPECIE IN ITALIA: Nell'area del Sulcis in Sardegna nel mirino delle doppiette illegali ci sono soprattutto i tordi, con un picco nel periodo fra ottobre e dicembre, oltre alle catture da settembre a marzo. Lipu stima siano 300mila gli uccelli uccisi illegalmente ogni anno, in una zona dove questo tipo di caccia viene considerata una ''tradizione'' e una fonte di profitto. Il bracconaggio incide direttamente sullo stato di conservazione di importanti siti della rete protetta europea Natura 2000. - SPECIE IN GRECIA: La principale specie nel mirino dei cacciatori illegali nelle isole ionie, dove si stima che gli spari in una giornata di caccia con condizioni climatiche ideali siano circa quindicimila, e' la tortora selvatica, classificata con uno status di conservazione ''sfavorevole'' nell'Ue. Durante la primavera i bracconieri pero' non si limitano a sparare alle tortore, uccidono anche altre specie protette di ritorno dall'Africa, fra cui albanella reale, falco di palude, falco cuculo, gheppio, nitticora, sgarza ciuffetto, airone cenerino, airone rosso e garzetta. - SPECIE IN SPAGNA: Nel paese si stima siano in media fra i 120mila e i 430mila, con picchi anche di due milioni, gli uccelli selvatici uccisi ogni anno illegalmente. I tordi, insieme ad altre specie, vengono catturati in alcune aree della regioni Valencia, Catalogna e Aragona con un metodo non selettivo ('parany), che prevede l'utilizzo di alti alberi intrecciati con pali cui sono attaccati bastoni impregnati di colla o di vischio. Queste trappole vengono attivate durante la migrazione autunnale soprattutto nel weekend e durante le feste. Nelle aree identificate dal progetto europeo capitanato da Lipu si stima vengano uccisi fino a un milione e mezzo di uccelli in poco piu' di un mese. La caccia illegale viene comunque considerata un'attivita' tradizionale. (ANSA) Y62 30-LUG-12 09:07 NNN 
 

 


Scarica comunicato