Ambiente: Wwf presenta decalogo per un' Europa piu' sostenibile (ASCA) - Roma, 16 nov - ''Internalizzare i costi ambientali, sviluppare indicatori ambientali e sociali che vadano oltre il Pil, eliminare i sussidi dannosi per l'ambiente e quelli ai combustibili fossili, tagliare le emissioni del 30%, riformare la politica agricola in senso green, sostenere di piu' la tutela della biodiversita', rafforzare la valutazione di impatto ambientale''. Sono solo alcuni delle proposte contenute in un decalogo che, in vista del Consiglio Europeo del 22-23 novembre, i direttori del Wwf dei vari paesi europei hanno scritto in una lettera aperta ai capi di Stato. Lo comunica, in una nota, Wwf Italia. ''Per un'Europa piu' sostenibile perche' il Wwf ritiene che sia necessario affrontare ora le sfide ambientali, sociali ed economiche per pianificare una transizione ecologica verso una societa' europea piu' sostenibile'', si legge nella nota. ''L'Europa e' giunta a un bivio. I negoziati riguardanti il bilancio 2014-2020 giungeranno alla fine di questo mese a una decisione cruciale. Il Presidente del Consiglio Europeo, Herman Van Rompuy, continua la nota, ha messo a punto una roadmap europea che rappresenta un'opportunita' storica per iniziare un nuovo ciclo di civilizzazione sul nostro vecchio continente. L'Europa e' stata responsabile dell'invenzione e della diffusione a livello mondiale di concetti fondamentali come lo stato di diritto, la democrazia e lo stato sociale. Il Wwf Francia alla chiusura della sesta edizione del suo Green Forum, conclude la nota, il 28 settembre del 2012, ha lanciato l''Appello di Parigi'' adottato da tutti i Wwf europei che stanno richiedendo agli Stati membri del Consiglio Europeo, al Parlamento europeo e alla Commissione Europea di ravvivare l'ideale di un'Europa sostenibile come strumento per unire i popoli d'Europa nel perseguire un obiettivo comune. com/ 161301 NOV 12 NNNN  


Scarica comunicato