AMBIENTE: BIRDLIFE, BOICOTTARE PIATTO ILLEGALE CUCINA CIPRO (NEWSLETTER AMBIENTE) (ANSA) - BRUXELLES, 23 LUG - Bando alla specialita' illegale della cucina cipriota a base di piccoli migratori, la ''ambelopoulia''. A promuovere il boicottaggio in occasione dell'attuale semestre della presidenza Ue e' BirdLife, che parla di un vero e proprio ''massacro'' nell'isola compoiuto ogni anno dai bracconieri di questi ''uccellini delle vigne'', catturati con le trappole. Il tutto per cucinare una prelibatezza locale assolutamente fuorilegge, ma che genera grossi profitti. ''Cipro ha una splendida varieta' di piatti gastronomici da offrire - spiega Claire Papazoglou, direttore esecutivo di BirdLife Cipro - e incoraggiamo dal profondo del cuore i visitatori europei a provarle tutte, ad eccezione della ambelopoulia''. Secondo Papazoglou ''questo piatto vietato viene normalmente servito con discrezione, quindi e' improbabile'' che un turista straniero venga tentato, ''ma e' importante conoscere il lato ''oscuro'' della cucina cipriota'' per poter prendere una posizione chiara su questo punto. Ambelopoulia, riferisce BirdLife, rappresenta ''un disastro ecologico di considerevoli proporzioni''. Metodi non selettivi, come reti miste e trappole mortali, vengono impiegati a Cipro per catturare gli uccelli durante i periodi migratori, specie in autunno e in primavera. La lista delle specie prese in trappola dai cacciatori ciprioti e' oltre quota 150 e include 78 specie considerate minacciate da BirdlIfe international o dalla direttiva Uccelli dell'Ue. La diffusione di questi metodi non selettivi contribuisce all'uccisione di volatili su larga scala, con centinaia di migliaia di uccelli vittime ogni anno solo a Cipro. Le trappole illegali, fuorilegge sia per la legge cipriota che per la direttiva europea, danno un bel profitto: una dozzina di ambelopoulia si vendono fra i 40 e gli 80 euro nei ristoranti che praticano questa cucina ''fuorilegge''. ''Cipro e' sotto i riflettori - afferma Ariel Brunner, di BirdLife Europa - e lavoreremo duro con i nostri colleghi in loco e con le autorita' nazionali per consegnare le trappole di uccelli al passato al quale appartengono''. (ANSA) Y62 23-LUG-12 09:08 NNN  

 

AMBIENTE: ANIMALISTI UE CHIEDONO AZIONI A PRESIDENZA CIPRO (NEWSLETTER AMBIENTE) (ANSA) - BRUXELLES, 23 LUG - Stop ai test dei cosmetici sugli animali, senza nessuna deroga. E' questo il primo punto nell'elenco delle priorita' di Eurogroup for animals, l'organizzazione animalista a livello Ue, in occasione del semestre di presidenza dell'Unione guidato dalla Repubblica di Cipro. Il piano d'azione degli animalisti Ue propone tanti interventi chiave nella seconda meta' del 2012, incluse misure per prevenire l'arrivo di specie ''straniere'' invasive e l'uso di metodi che non siano cruenti per il controllo delle popolazioni. Un'altra battaglia importante a livello europeo e' quella contro i sussidi europei per l'esportazione di animali vivi, che implicano lunghi viaggi. Secondo Sonja Van Tichelen, direttore di Eurogroup for animals, la proposta della Commissione Ue su questo fronte ''ignora il parere del suo organismo scientifico, l'Efsa, che chiaramente afferma come il trasporto di animali debba essere il piu' breve possibile, perche' piu' il viaggio e' lungo piu' si mette a rischio il benessere dell'animale''. Le norme Ue danno i sussidi a condizione che questo benessere venga rispettato, ma secondo Eurogroup for animals questo di fatto non avviene, con mezzi iperaffollati, scarsa ventilazione e carenza di cibo, acqua e riposo a intervalli regolari. L'organizzazione Ue propone invece di finanziare gli allevamenti ''sostenibili'' e di etichettare i prodotti agricoli in maniera facile da capire, indicando il metodo di produzione e localita' di provenienza, anche per la carne. Solo cosi' il consumatore europeo potra' compiere una scelta veramente informata. (ANSA) Y62 23-LUG-12 09:08 NNN  

 


Scarica comunicato