Contro la cattura e la detenzione di uccelli come "esche" per l'attività venatoria.

 

Vengono catturati e tenuti in gabbia con un unico scopo: cantare, durante la stagione venatoria, per attirare i loro simili e permettere ai cacciatori di catturarli. E così, piccoli uccelli migratori come i merli, le allodole, le cesene, i tordi, sono tenuti una vita intera al buio, in luoghi spesso freddi e umidi, con poca aria, luce e igiene, in anguste gabbie dove è impossibile volare e un movimento di troppo può causare traumi o ferite. La percezione del cambiamento di stagione e i ritmi giorno/notte sono sconvolti. Gli uccelli che sopravvivono all'atrofizzarsi degli arti e allo sconvolgimento comportamentale rischiano di non tornare a volare liberi, mai più.

 

Oggi detenere gli uccelli come richiami vivi è permesso. Aboliamo questa pratica cruenta. Salviamo gli uccelli da una simile tortura restituendo loro la libertà!

 

Sottoscrivi l’appello che consegneremo al Presidente del Consiglio dei Ministri e ai presidenti di Senato e Camera. Inserisci i tuoi dati e clicca sul pulsante FIRMA LA PETIZIONE.

 

Per maggiori informazioni consultare il sito: http://www.lipu.it/come-aiutare-la-natura/noairichiamivivi