Venezia, 1 ottobre 2021

“Il Tar del Veneto non è entrato nel merito delle contestazioni tecniche presentate dai ricorrenti, non prendendo quindi in considerazione i documenti e le relazioni di medici e scienziati. Al momento ha semplicemente sancito che nessuna delle associazioni e dei cittadini ricorrenti avrebbe avuto titolo per rivolgersi alla giustizia amministrativa. Queste associazioni (Medicina Democratica, Ecositituto Alex Langer, Progetto Nascere Meglio, Casa del Popolo Cà Luisa), sono in realtà ben radicate nel territorio, impegnate da anni in battaglie per la difesa dell'ambiente e della salute e quindi portatrici di interessi diffusi e riconosciuti”. Andrea Zanoni, consigliere regionale del Partito Democratico, interviene così sulle motivazioni che hanno portato alla bocciatura del ricorso contro l’ampliamento del termovalorizzatore di Fusina. 

 

“Ho sempre sostenuto il Comitato, insieme al PD di Mogliano che aveva presentato una mozione contro l’impianto bocciata dalla Lega, dando una mano con gli accessi agli atti e lo farò per il ricorso in appello che hanno già annunciato e che condivido: i potenziali impatti dell’inceneritore infatti si estenderebbero anche nel Trevigiano. Ora facciamo affidamento sui giudici del Consiglio di Stato”.