La Giunta intervenga per sospendere l’iter del bando per il recupero e la gestione del complesso monumentale dell’Abbazia di S. Eustachio di Nervesa della Battaglia e avvii un tavolo di confronto per l’individuazione di soluzioni alternative. La richiesta è del consigliere regionale del PD, Andrea Zanoni, che sulla questione ha presentato un’interrogazione.

“Sul recupero e sulla futura gestione dell’Abbazia di S. Eustachio di Nervesa della Battaglia – scrive l’esponente democratico - è necessario coinvolgere maggiormente le istituzioni pubbliche, la comunità e le realtà economiche del territorio. Quel bando di gara va sospeso: prevedere un affidamento di questo sito per 80 anni, va contro ogni logica di ampia condivisione attorno a questo complesso monumentale di grande pregio”.

Zanoni fa riferimento al bando di gara indetto dal Comune di Nervesa per l’individuazione del concessionario cui affidare la progettazione esecutiva, il restauro conservativo, il recupero architettonico e strutturale e la gestione del suddetto complesso monumentale: “nel disciplinare del bando – spiega - si legge che: “Il restauro non può essere realizzato dal Comune per mancanza di risorse finanziarie e il complesso, una volta restaurato non può essere gestito in proprio dall’Ente appaltante per mancanza di risorse umane e finanziarie. Pertanto, l’Ente intende porre a completa disposizione del concessionario la gestione dell’intero sito, compresa l’area esterna adiacente, con l’esclusione della parte boschiva, da cui potrà aversi il rientro economico adeguato all’ammortamento dell’investimento per i lavori di ristrutturazione” e inoltre che “La durata della concessione è fissata in anni 80”.

“In molti si chiedono – sottolinea il consigliere del PD - se non sarebbe stato opportuno istituire una fondazione e prevedere modalità di recupero in grado di reperire le risorse necessarie dalla Regione, dallo Stato, dall’Unione Europea e dai soggetti privati locali interessati. Il recupero dell’abbazia – conclude Zanoni - potrebbe rappresentare una straordinaria opportunità per l’economia turistica del territorio se realizzato con il coinvolgimento delle istituzioni pubbliche, dei privati e dei cittadini”.


Scarica comunicato