L'eurodeputato esprime vicinanza ai tanti giovani e non che ieri hanno manifestato contro lo sgombero della ex Telecom. “I nostri ragazzi hanno bisogno di spazi. Gentilini pensi ai danni causati dalla sua ombralonga e la smetta di fare terrorismo psicologico”

 
“Massima solidarietà ai ragazzi che hanno manifestato ieri per le vie di Treviso per protestare contro lo sgombero dell'ex Telecom”. Andrea Zanoni, eurodeputato IdV, apprezza l'iniziativa di protesta pacifica organizzata dai ragazzi del collettivo ZTL WAKE UP! che hanno sfilato ieri sotto la pioggia. “Gentilini chiede 40 mila euro per i danni al commercio e per pagare gli straordinari ai vigili? Allora si prepari a pagare il conto ben più salato dell'ombralonga che per anni ha ridotto la nostra città a una pattumiera e che lui stesso promette di riorganizzare se eletto sindaco”.

 

Zanoni si unisce a quanti a Treviso, giovani e meno giovani, chiedono più spazio per attività di ritrovo, ludiche e culturali. “Lo sgombero forzato della ex Telecom nelle modalità organizzate dal Comune è stato un errore – incalza – Gentilini, Gobbo e compagni continuano a dimostrare un'impermeabilità assoluta ai reali bisogni della città e dei suoi giovani”.

 

Secondo l'eurodeputato “il corteo di ieri è la prova evidente di come i nostri ragazzi siano ben educati, socievoli e pieni di vita”. E poi l'affondo: “Gentilini la smetta di far terrorismo psicologico. E' evidente che sta improntando la sua campagna elettorale su toni autoritari per conquistare i voti dei nostalgici del Ventennio, ma la sua tattica è perdente. Treviso e i suoi ragazzi vogliono aprire la finestra, certi richiami alle armi non funzionano più”.

 

Zanoni critica anche la minaccia di Gentilini di chiedere i danni secondo lui arrecati agli esercizi commerciali per la chiusura cautelare in occasione del corteo e per pagare gli straordinari ai vigili. “Al di là del fatto che militarizzare la città è stata una decisione assolutamente ridicola, ricordo a Gentilini che se si parla di danni allora lui dovrebbe chiedere un prestito in banca per pagare i disastri causati per anni dall'ombralonga a Treviso di cui lui è storico promotore, senza parlare delle tragedie umane provocate”.

 


Ufficio Stampa Eurodeputato Andrea Zanoni

Email stampa@andreazanoni

Tel (Bruxelles) +32 (0)2 284 56 04

Tel (Italia) +39 0422 59 11 19

Blog www.andreazanoni.it

Twitter Andrea_Zanoni

Facebook Andrea Zanoni

Youtube AndreaZanoniTV


Scarica comunicato