Il Commissario Ue all'Ambiente risponde a Zanoni: la Commissione europea sta esaminando il progetto del traforo. Zanoni: “No alla costruzione di strade e rotatorie che calpestano il diritto europeo a tutela dell'ambiente”

 
Il progetto del Traforo di Sant'Augusta a Vittorio Veneto (TV) è “attualmente all’esame” della Commissione europea. “Una volta terminato l’esame, la Commissione ne comunicherà i risultati”. E' la risposta del Commissario Ue all'Ambiente Janez Potočnik all'interrogazione di Andrea Zanoni sulla possibile violazione di ben tre direttive comunitarie da parte del progetto, nel dettaglio la Habitat (93/43/CEE), VIA (2011/92/UE) ed Uccelli (2009/147/CE). Il progetto del traforo comprometterebbe direttamente l’alveo del fiume Meschio, un ambiente tutelato come Sito di Importanza Comunitaria (SIC) della Rete Natura 2000. “Si tratta di un altro sfregio al nostro territorio fatto per un progetto fortemente contestato dai cittadini, dai comitati e dalle associazioni di tutela ambientale locali”.

 
“Nel giugno 2012 la Commissione ha ricevuto una lettera contenente la stessa denuncia”, fa sapere il Commissario Ue nella sua risposta a Zanoni. Il progetto, approvato nel maggio 2009 dall’ANAS, è stato oggetto di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) nel luglio 2004 e pertanto non ha tenuto conto dell'esistenza del SIC istituito, ufficialmente, solo nel mese successivo. “Di conseguenza il progetto del traforo risulta anche privo di Valutazione di Incidenza Ambientale VINCA”, spiega Zanoni.

 
L'eurodeputato ritiene che “prima di approvare la costruzione di rotonde, strade e ponti, in un'aria tutelata dall'Ue, devono essere valutate tutte le problematiche se non vogliamo trovarci di fronte all'ennesima infrazione al diritto comunitario in tema di ambiente”.


Zanoni raccoglie in questo modo l'istanza del Comitato "No traforo ANAS, Sì alternative" e dell'associazione Salviamo il Paesaggio - Sezione di Vittorio Veneto, che rappresentate da Alessandro Mognol, hanno trasmesso il 4 giugno scorso alla Commissione europea una dettagliata denuncia, comprensiva di dieci documenti allegati, per violazioni delle norme delle direttive Habitat ed Uccelli.

 
BACKGROUND

 
Tra le diverse aree della Rete Natura 2000 che si trovano nel raggio di circa 10 chilometri dalla zona interessata dall’opera, troviamo la ZPS IT3240024 “Dorsale prealpina tra Valdobbiadene e Serravalle”, il SIC IT3240005 “Perdonanze e corso del Monticano”, il SIC IT3240014 “Laghi di Revine” e infine il SIC IT3230077 “Foresta del Cansiglio”.

 
La società ANAS Spa sta per realizzare a Vittorio Veneto, in provincia di Treviso, un progetto di strada statale noto localmente come "Traforo di Sant'Augusta" denominato ufficialmente “S.S. n. 51 di “Alemagna” Variante di Vittorio Veneto (Tangenziale EST) – Collegamento LA SEGA-OSPEDALE- 1° stralcio “La Sega-Rindola” che interesserà direttamente l’alveo del fiume Meschio. Il progetto di questa strada prevede, proprio in questo SIC, la costruzione di importanti ed impattanti opere con evidenti ripercussioni sull'ambiente, come la realizzazione di ben due ponti e di una rotatoria.

 


Ufficio Stampa Eurodeputato Andrea Zanoni

Email stampa@andreazanoni

Tel (Bruxelles) +32 (0)2 284 56 04

Tel (Italia) +39 0422 59 11 19

Blog www.andreazanoni.it

Twitter Andrea_Zanoni

Facebook Andrea Zanoni

Youtube AndreaZanoniTV


Scarica comunicato