Venezia, 16 gennaio 2020
“Un film di cui sapevamo già il finale. Spiace che il Consiglio del Veneto, come quello di altre Regioni si sia voluto inutilmente piegare alla propaganda di Salvini”.

Così il gruppo regionale del Partito Democratico commenta la sentenza della Consulta che ha dichiarato inammissibile il referendum della Lega per abolire la quota proporzionale dalla legge elettorale. “Era evidente come il quesito proposto dal Carroccio non stesse in piedi dal punto di vista giuridico e non avesse le condizioni per essere ritenuto ammissibile.

Adesso Salvini grida ‘vergogna’ e prova a trascinare nella bagarre elettorale perfino la Consulta. Se cerca il responsabile di questo pasticcio e dell’inevitabile figuraccia gli consigliamo di guardarsi allo specchio”.