Il consigliere Andrea Zanoni (PD), vice presidente della Commissione Ambiente commenta quanto emerso dalla relazione della Commissione bicamerale di inchiesta sul ciclo dei rifiuti: “E’ chiaro che, in riferimento alle bonifiche nell’area di Porto Marghera, c’è stato un utilizzo scriteriato di soldi pubblici, grave soprattutto perché sono coinvolte la salute dei cittadini e la tutela dell’ambiente. La Regione ha, dovrebbe avere, un ruolo centrale nella difesa dell’incolumità pubblica, esigendo la massima efficienza”. “Il fatto di assoluta gravità denunciato nella relazione – continua il consigliere del partito democratico - è che lo sperpero di denaro si sia verificato attraverso lo spacchettamento in mille rivoli dei collaudi delle opere, affidati a dirigenti apicali dei ministeri e della Regione Veneto, che non può far finta di nulla. Si tratta di una vicenda sulla quale il nostro impegno sarà costante, presenteremo, perciò, una circostanziata interrogazione”, conclude Zanoni.

Scarica comunicato