Venezia, 7 nov. 2018 - “È inutile o, peggio, ipocrita, piangere i danni provocati dal maltempo quando non si fanno i conti con i cambiamenti climatici e nelle ‘stanze dei bottoni’ non si agisce di conseguenza per contrastare l’effetto serra. Salvini, prima di parlare, si faccia un esame di coscienza”. Andrea Zanoni, Consigliere regionale del Partito Democratico, ribatte tramite una nota “Alle dichiarazioni del ministro dell’Interno a proposito del maltempo, con tutte le drammatiche conseguenze, che ha sconvolto l’Italia la scorsa settimana. Purtroppo i negazionisti dei cambiamenti climatici sono autorevolmente rappresentati sia a livello mondiale, vedi Trump, che europeo, con Salvini e i suoi alleati. Forse, tra un selfie e una crisi sentimentale, non ricorda cosa ha votato la Lega all’Europarlamento: ipotesi probabile visto che è sempre stato assente. Gli rinfreschiamo la memoria: La Lega si è schierata contro tutti i provvedimenti più importanti per la tutela dell’ambiente. Hanno detto ‘no’ alla direttiva per la riduzione della plastica monouso, a quella per le energie rinnovabili, ai provvedimenti per l’efficienza energetica e le emissioni di CO2 delle automobili. E, ancora, no al regolamento per la contabilizzazione dei gas effetto serra per gli obiettivi climatici 2030 e alla ratifica dell’accordo di Parigi sul clima. Su quest’ultimo provvedimento gli unici eurodeputati italiani a votare contro furono i cinque leghisti, tra cui Salvini e l’attuale ministro della Famiglia, Fontana. A fronte di tutto ciò non possiamo ascoltare in silenzio i dati snocciolati dall’assessore all’Ambiente e responsabile della Protezione civile Bottacin nella seduta consiliare di ieri: 700 millimetri di pioggia caduti in poche ore, venti a 190 km orari, otto paesi isolati, 400 famiglie evacuate e 160mila persone al buio, oltre ai 15milioni di alberi rasi al suolo stimati da Coldiretti. Uno scenario apocalittico - sottolinea Zanoni - che però chiama in causa chi, con una mano manda i soccorsi e con l’altra, indirettamente, diventa complice di questi disastri”.