Venezia, 29 ago. 2018 - “Dobbiamo essere orgogliosi di questo provvedimento che asseconda la volontà della comunità locale e dei cittadini del Veneto che vogliono tutelare maggiormente la natura”. Andrea Zanoni, Consigliere regionale del Partito Democratico commenta con soddisfazione il via libera all’unanimità, durante l’ultima seduta a Palazzo Ferro Fini, della Variante al piano ambientale del Parco naturale delle Dolomiti d’Ampezzo.

“Finalmente giunge a coronamento un lungo percorso, iniziato addirittura nel 2013: avremmo dovuto rispondere con più celerità” ha spiegato il Vicepresidente della Seconda commissione, intervenuto nel dibattito in Aula, aggiungendo: “Con l’inclusione della Val Padeon e della Val Granda avremo altri 320 ettari protetti ed è un bene, visto che il Veneto ha appena il 5,6% della superficie destinata a parco regionale, contro una media nazionale del 10%. È una decisione in controtendenza con quanto fatto in passato con il Parco della Lessinia e il Parco Colli, dove, non è stata presa in considerazione la volontà dei residenti. Mi auguro che possa rappresentare un precedente per un ripensamento generale da parte della Giunta e della maggioranza sull’importanza, e la conseguente tutela, di queste aree”.