Venezia, 26 gennaio 2022

“Per contrastare la denatalità devono essere garantiti servizi alle famiglie. A cominciare dalla gratuità degli asili nido. La Regione metta le risorse per integrare il bonus già previsto dallo Stato per chi si trova in difficoltà in modo da allargare la platea dei beneficiari”. La proposta è di Anna Maria Bigon e Andrea Zanoni, consiglieri regionali del Partito Democratico, commentando l’ultimo provvedimento della Giunta per accompagnare la neo genitorialità. “È sicuramente un provvedimento positivo, pensiamo per esempio all’ostetrica ‘dedicata’ con visite domiciliari dopo il parto o all'Agenda della gravidanza fisiologica per ogni mamma sulla base di quanto previsto nei Lea per assicurare prestazioni e percorsi ‘personalizzati’. Ma non è sufficiente. Per questo, tra le misure che consideriamo indispensabili c’è la gratuità degli asili nido.  La Regione faccia un tavolo con i sindaci per trovare le modalità più appropriate”. 

 

“È necessario dare un segnale, oltre i fondi del Pnrr dove ci sono 4,5 miliardi a disposizione per servizi per la prima infanzia, che dovrebbero assicurare oltre 264mila nuovi posti. Risorse fondamentali, perché l’Italia è uno dei Paesi che investe meno nella prima infanzia e l’obiettivo di Lisbona, un posto in un asilo nido per un bambino su tre è lontano anche in Veneto.  La gratuità - concludono - consentirebbe inoltre di aumentare anche l’occupazione femminile con effetti positivi sull’intera economia”.