Venezia 10 apr. 2018 -      “Trovo scandaloso che la Regione spenda 250mila euro per convegni e feste dei cacciatori, ma non riesca a trovarne almeno 10mila per garantire le attività del Centro di recupero animali selvatici, Cras,  di Rovigo”. Questo il parere del consigliere del Partito Democratico Andrea Zanoni sulla risposta dell’assessore Pan all’interrogazione, sottoscritta anche da Graziano Azzalin (Pd)  e  Patrizia Bartelle (M5S)  in merito al funzionamento della struttura polesana, che dallo scorso anno è convenzionata con la Provincia di Padova e la Città metropolitana di Venezia. “Speravo in una replica diversa e che la Giunta decidesse di intervenire, visto che si tratta di un Centro importante a livello regionale, con 1500 animali recuperati l’anno – spiega Zanoni - Non si può limitare a prendere atto che la Provincia di Rovigo non sta garantendo le risorse necessarie, senza però agire conseguentemente. Anche perché gli animali selvatici feriti continuano ad arrivare, ci sono spese medico-veterinarie crescenti oltre a quelle di sostentamento, nonostante gran parte delle attività siano svolte da volontari. Inoltre i Centri di recupero non sono facoltativi ma previsti da una legge nazionale, la 157/92 sulla tutela della fauna selvatica”. “Quello che però mi ha davvero sconvolto nella risposta dell’assessore Pan è quando essa afferma che è in atto un ‘incremento esponenziale della fauna selvatica’. È una cosa falsa. Tutti i parametri europei parlano di estremo impoverimento e diminuzione delle popolazioni, in particolare per l’avifauna migratrice, dovuto a molteplici fattori: agricoltura meccanizzata, uso massiccio di pesticidi, consumo del suolo, distruzione degli habitat, siccità e cambiamenti climatici. Ci sono delle eccezioni, come ad esempio i cinghiali nel Parco Colli, ma la realtà per tutti gli altri animali è ben diversa da quella descritta da Pan. Ed è anche per questo - conclude Zanoni - che dovremmo avere un occhio di riguardo per chi tutela e cura animali a rischio”. - See more at: http://www.consiglioveneto.it/crvportal/pageContainer.jsp?n=80&p=80&c=5&e=88&t=1&idNotizia=34282#sthash.VGabOJ3c.dpuf